Ottobre 20, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

Il ‘pacemaker del cervello’ rende curabile la depressione incurabile

Questa potrebbe essere la svolta che la psichiatria attende da anni.

Sfortunatamente, la depressione è un problema comune. Fortunatamente, uno psichiatra o uno psichiatra spesso può aiutare. Ma per una piccola percentuale di pazienti, la terapia comportamentale o i farmaci sono insufficienti; Soffrono di depressione grave e irreversibile. Così è Sarah (il cui cognome è stato cancellato su sua richiesta). “Ero alla fine della mia gravidanza. Ero così depresso (…) Questa non era una vita degna di essere vissuta”. Ma grazie al lavoro dei ricercatori dell’Università della California (San Francisco), la sua situazione è cambiata bruscamente e radicalmente. Dopo anni di trattamenti infruttuosi, i suoi sintomi depressivi si sono finalmente attenuati. “All’inizio le emozioni e l’oscurità erano travolgenti, ma ora mi alzo e vado avanti con la mia giornata”.

stimolatore cardiaco
È tutto grazie a un piccolo dispositivo impiantato nel suo cervello che, quando necessario, stimola una parte specifica del suo cervello. Una specie di pacemaker, ma per il cervello.

stimolazione cerebrale profonda
Questa non è la prima volta che i ricercatori utilizzano la cosiddetta stimolazione cerebrale profonda per cercare di ridurre o curare i sintomi della depressione. Ma i tentativi precedenti sono stati solo limitati o hanno avuto un successo disomogeneo. Ciò ha a che fare con il fatto che la maggior parte degli impianti cerebrali utilizzati a questo scopo emettono costantemente segnali elettrici e spesso possono essere utilizzati solo in una regione del cervello. Quest’ultimo è scomodo, perché le aree del cervello che producono sintomi di depressione possono variare da persona a persona.

Personalizzazione
Motivo sufficiente per i ricercatori americani per sviluppare un approccio diverso. Il risultato è un impianto cerebrale che stimola il cervello solo quando è realmente necessario e si concentra anche sull’area del cervello dove la stimolazione ha il maggior effetto positivo sull’umore del paziente in questione (vedi riquadro).

READ  MS Sjonnie (45) rinata dopo il trattamento a Mosca: "Il dolore nel mio corpo è sparito" | Almelo

Come accennato, i sintomi della depressione in una persona possono derivare da diverse regioni del cervello rispetto ad altre. Per un’efficace stimolazione cerebrale profonda, finalizzata al trattamento dei sintomi depressivi, è necessario quindi individuare per ogni paziente l’area del cervello che risponde meglio alla stimolazione. I ricercatori lo hanno dimostrato posizionando dieci elettrodi in diverse aree del cervello e stimolando alternativamente queste regioni del cervello e osservando come risponde il paziente. Nel caso di Sarah, è stato riscontrato che la stimolazione dello striato ventrale migliora maggiormente l’umore. In tal modo, i ricercatori hanno scoperto una regione del cervello che potevano stimolare. Ma preferivano stimolare quella regione del cervello solo quando era veramente necessario, cioè quando il suo umore minacciava di deteriorarsi. Anche questo è possibile: i ricercatori hanno dimostrato che l’insorgenza dei sintomi depressivi coincide con un modello specifico di attività cerebrale che può essere misurato specificamente nell’amigdala. I ricercatori hanno quindi sviluppato un impianto cerebrale che misura continuamente l’attività cerebrale nell’amigdala e, una volta rilevato il modello anomalo, stimola lo striato ventrale.

I risultati sono stati impressionanti. “Siamo stati in grado di offrire questo trattamento su misura a una paziente depressa e fornire sollievo dai suoi sintomi”, ha affermato la ricercatrice Catherine Skangos. E mentre potrebbero volerci settimane dopo i trattamenti standard per far diminuire i sintomi della depressione, Sarah ha notato risultati quasi immediati. Non solo poco dopo l’impianto, ma anche nei quindici mesi trascorsi da quando l’impianto è stato inserito. “Nei primi mesi, la mia depressione si è improvvisamente attenuata in modo così brusco che non ero sicura che sarebbe continuata così”, ha detto Sarah. “Ma è rimasto così. E mi sono reso conto che il dispositivo migliora la terapia e la cura di sé che ho imparato a praticare”.

READ  Trovare un lavoro per gli immigrati non occidentali diventa più difficile dopo la laurea

futuro
La speranza, ovviamente, è che più persone con “depressione incurabile” possano essere curate in futuro. “L’idea che possiamo trattare i sintomi non appena si presentano è un modo completamente nuovo di trattare anche la depressione più difficile da trattare”, ha detto Skangos.

Ma sono necessarie ulteriori ricerche prima che questo trattamento possa essere ampiamente pubblicato. La sperimentazione clinica è attualmente in fase di ampliamento per includere due nuovi pazienti e speriamo che presto ne seguiranno altri nove. Uno studio di follow-up dovrebbe mostrare se l’approccio funziona bene e per lungo tempo anche per gli altri. Gli scienziati sperano anche di ottenere maggiori informazioni sulle aree del cervello implicate nella depressione. Ciò può anche portare a trattamenti completamente nuovi in ​​cui l’attività in queste regioni del cervello può essere modificata in modo meno drastico.