Ottobre 17, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

Gli aborigeni rivendicano la foresta pluviale di Daintree dal governo australiano | All’estero

La foresta pluviale australiana di Daintree, una delle più antiche foreste pluviali tropicali del mondo, è ufficialmente tornata mercoledì alle popolazioni indigene. Ha detto che la consegna era parte di un processo di riconciliazione tra le comunità.




Il Daintree National Park, una foresta dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO di 135 milioni di anni fa, è stata restituita alla tribù aborigena Kuku Yalangi con una cerimonia nella remota città di Bloomfield nel Queensland nordorientale.

La vasta foresta pluviale ospita specie animali e vegetali rare e antiche, tra cui il casuario dall’elmo, i cui artigli sono estremamente pericolosi.

Chrissy Grant, membro del comitato che ha negoziato il trasferimento, lo ha definito un “momento storico” volto a consentire alla comunità di “prendere il controllo del proprio destino”.

Un totale di 160.000 acri di Daintree National Park nella penisola di Cape York, all’estremità nord-orientale dell’Australia, sono stati restituiti alle popolazioni indigene della zona.

Inizialmente, i parchi nazionali sarebbero stati gestiti congiuntamente dal governo del Queensland prima di diventare l’unica responsabilità della comunità aborigena.


Foresta pluviale di Daintree, Australia.

Foresta pluviale di Daintree, Australia. © Avalon / Gruppo Universal Images vi

READ  Il parlamento polacco vota sulla controversa legge sui media