Settembre 25, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

Gestisci le impostazioni sulla privacy su iPhone e iPad

Una volta concesso l’accesso al calendario, alle foto, alla posizione e ad altre informazioni, l’app continuerà a cercare i dati condivisi. Tuttavia, è possibile negare l’accesso ai propri dati privati ​​in un secondo momento. Inoltre, dovresti prendere in considerazione il monitoraggio degli annunci, che consente alle app di creare un profilo per te.

Condividi i dati con le app

Le applicazioni possono richiedere l’accesso ai seguenti dati, tra l’altro:

  • luogo
  • contatto rubrica)
  • agenda
  • ricordi
  • Immagini
  • Bluetooth
  • microfono
  • Attività di movimento (iPhone 5s e successivi)

Preferiresti non utilizzare questi dati da un’applicazione? Quindi puoi disabilitarlo tramite le impostazioni di iOS. Lo fai qui sotto Istituzioni > Privacy. Ad esempio, scegli un articolo agenda. Sotto ogni voce ci sono le app che hanno attualmente accesso a tali informazioni. Capovolgere l’interruttore negherà l’accesso all’app.

Non tutte le app iOS sono elencate nella Panoramica sulla privacy. Le app devono richiedere esplicitamente l’accesso ai tuoi dati prima che vengano inclusi anche nell’elenco.

Etichetta sulla privacy con le app

Oltre a fornire accesso alle informazioni da altre applicazioni e strumenti, le applicazioni possono anche raccogliere tutti i tipi di altri dati, come il comportamento di ricerca. Prima di scaricare un’app, puoi vedere quali dati sta usando l’app e con chi è condivisa nell’App Store. Questo può essere visto nell’etichetta sulla privacy.

App Gmail ora con etichetta privacy

Dopo il download, spesso devi dare un’autorizzazione esplicita per utilizzare determinati dati. Ma non sempre hai una panoramica delle parti (esterne) con cui vengono condivisi i dati.

recupero

sotto Impostazioni > Privacy > Tracciamento Trovi una chiave? Consenti il ​​monitoraggio delle richieste dalle app. Se abilitato, gli sviluppatori possono richiedere l’autorizzazione per accedere a varie informazioni. Gli inserzionisti possono quindi rivolgersi a te in modo più specifico come gruppo target.

Imposta il monitoraggio dell'applicazione con gli ordini.

Se disabiliti IDFA, non riceverai alcuna richiesta.

READ  La presunta gamma di CPU Intel Raptor Lake appare online - Computer - Notizie