Settembre 24, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

General Motors richiama le nuove auto elettriche Chevrolet Bolt a causa del rischio di incendio della batteria

La General Motors ha gestito l’intero processo in modo disastroso. Le celle della batteria sono prodotte nella stessa fabbrica delle celle Hyundai Kona MY2019 e sia Hyundai che GM hanno pensato di poter risolvere il problema con una semplice correzione del software.

Subito dopo la riparazione alla Hyundai, alcune auto hanno preso fuoco di nuovo, dopo di che Hyundai, sotto la pressione del governo coreano, alla fine ha proceduto abbastanza rapidamente a elaborare un piano in cui tutte le batterie interessate sarebbero state sostituite.

D’altra parte, GM ha continuato a credere nelle soluzioni software. Ma questo tipo di errori hardware, in cui uno strato separatore è stato applicato in modo errato nella batteria, non può essere risolto dal software. Non puoi nemmeno impedire che la batteria si accenda con il software. Ma GM sta ancora provando.

E quando, dopo il secondo, ultimo, aggiornamento di un’altra vettura che aveva ricevuto tutti gli aggiornamenti software ha preso fuoco, GM ha ricominciato a pensare a come risolvere questo problema al minor costo possibile. Non mi risulta ancora che, a più di un anno dalla scoperta del problema, l’unica soluzione sia sostituire completamente il pacco batterie. Perché cosa hanno inventato dopo? Stavano facendo la diagnostica per i diversi moduli in modo da poter capire quali moduli batteria avrebbero avuto celle difettose e quindi sostituire quei moduli.

Cosa appare ora? GM non può distinguere il male dalle buone unità, quindi alla fine ho preso la decisione di sostituire le unità della batteria. E sì, solo le unità, non il pacchetto completo. Quindi i garage dovranno smontare da soli i pacchi raffreddati a liquido per accedere alle unità senza personale ben addestrato perché GM ritiene che questo sia più economico rispetto alla spedizione di interi pacchi batteria e al loro ricondizionamento in una posizione centrale.

READ  Le azioni statunitensi hanno chiuso leggermente

E per completare la festa, qualche giorno fa ha preso fuoco per la prima volta la Bolt EV MY2020, la prima Bolt autoinfiammabile con batteria non made in Korea, ma negli States. La causa dell’incendio non è ancora nota, anche se spero che GM non sia l’inizio di problemi con batterie prodotte in America.