Ottobre 18, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

Crescita cinese sotto pressione per i blackout | All’estero

La carenza è in parte dovuta alla scarsità di carbone, che costituisce circa il 60 per cento del mix energetico cinese. Le forniture di carbone sono state limitate dal divieto di Pechino di importare l’Australia a causa di una disputa tra di loro. Inoltre, nella lotta ai cambiamenti climatici, il sistema ha imposto restrizioni alle emissioni dell’industria.

Ma a causa della ripresa economica globale, molte fabbriche cinesi sono tornate a lavorare a pieno regime, causando un aumento della domanda di elettricità nella prima metà dell’anno rispetto a prima della crisi del Corona. La combinazione dell’aumento della domanda e della diminuzione dell’offerta sta mettendo sotto pressione le forniture di energia.

Milioni di famiglie e molte fabbriche sono colpite dalla carenza. Di conseguenza, molti fornitori di grandi aziende globali hanno riscontrato problemi. La società taiwanese Unimicron Technology, fornitore di Apple, ha già annunciato che tutte le filiali in due regioni cinesi dovrebbero interrompere la produzione da domenica a giovedì. Un appaltatore Tesla è nella stessa posizione.
Diverse banche internazionali hanno già rivisto al ribasso le loro previsioni di crescita per la Cina. Goldman Sachs prevede una crescita del 7,8% per il 2021 anziché dell’8,2.

READ  Il ministro Beck pubblicherà rapporti di ispezione nei centri di assistenza residenziale | interni