Settembre 24, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

Studio britannico: i vaccini proteggono meno sei mesi dopo il secondo colpo

Apparentemente, i vaccini Pfizer/BioNTech e Oxford/AstraZeneca proteggono meno dall’infezione da coronavirus sei mesi dopo il secondo colpo. Questo è secondo uno studio britannico. Pertanto, i ricercatori stanno spezzando una lancia per somministrare il cosiddetto “vaccino di richiamo”.

Un mese dopo la seconda dose di vaccinazione, Pfizer è efficace all’88% nel prevenire l’infezione da COVID-19. Tuttavia, dopo cinque o sei mesi, questa protezione scende al 74 percento.

C’è anche una curva al ribasso in AstraZeneca: qui l’efficacia scende dal 77 al 67 per cento.

Lo studio si basa sui dati di quasi un milione di utenti dell’app Zoe Covid Symptom Study. I dati sono stati esaminati dai ricercatori dell’omonima società privata, che opera nel campo delle scienze della salute, e della British University King’s College di Londra. L’attenzione si è concentrata sulle infezioni tra il 26 maggio e il 31 luglio 2021 nelle persone che hanno installato l’app tra l’8 dicembre 2020 e il 3 luglio 2021 dopo la vaccinazione.

La campagna di vaccinazione del Regno Unito inizialmente era rivolta agli anziani, alle persone a rischio e agli operatori sanitari. Secondo i ricercatori, la protezione contro il coronavirus si è deteriorata maggiormente in questi gruppi. “In uno scenario di disastro plausibile, la protezione invernale per gli anziani e gli operatori sanitari potrebbe scendere al di sotto del 50 percento”, ha affermato il professor Tim Spector, che ha guidato lo studio. In combinazione con un gran numero di infezioni e una variante altamente contagiosa del coronavirus, questo potrebbe portare a più ricoveri e decessi, afferma.

Quindi Spector sostiene di somministrare il cosiddetto “vaccino di richiamo”, cioè il terzo colpo. Si chiede inoltre di considerare l’importanza della vaccinazione per i minori “in base al numero di vaccini in stock”.

READ  Sostegno alla ricerca su un trattamento migliore per i danni del COVID-19

L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) attualmente non supporta un terzo vaccino e vuole dare la priorità alla vaccinazione nei paesi in via di sviluppo.

Leggi anche:

Il via libera al terzo lotto di Corona: chi ne beneficia?

Un mese dopo la seconda dose di vaccinazione, Pfizer è efficace all’88% nel prevenire l’infezione da COVID-19. Tuttavia, dopo cinque o sei mesi, questa protezione scende al 74 percento. C’è anche una curva al ribasso in AstraZeneca: qui l’efficacia scende dal 77 al 67 per cento. Lo studio si basa sui dati di quasi un milione di utenti dell’app Zoe Covid Symptom Study. I dati sono stati esaminati dai ricercatori dell’omonima società privata, che opera nel campo delle scienze della salute, e della British University King’s College di Londra. L’attenzione si è concentrata sulle infezioni tra il 26 maggio e il 31 luglio 2021 nelle persone che hanno installato l’app tra l’8 dicembre 2020 e il 3 luglio 2021 dopo la vaccinazione. La campagna di vaccinazione del Regno Unito inizialmente era rivolta agli anziani, alle persone a rischio e agli operatori sanitari. Secondo i ricercatori, la protezione contro il coronavirus si è deteriorata maggiormente in questi gruppi. “In uno scenario di disastro plausibile, la protezione invernale per gli anziani e gli operatori sanitari potrebbe scendere al di sotto del 50 percento”, ha affermato il professor Tim Spector, che ha guidato lo studio. In combinazione con un gran numero di infezioni e una variante altamente contagiosa del coronavirus, questo potrebbe portare a più ricoveri e decessi, afferma. Quindi Spector sostiene di somministrare il cosiddetto “vaccino di richiamo”, cioè il terzo colpo. Si chiede inoltre di considerare l’importanza della vaccinazione per i minori “in base al numero di vaccini in stock”. L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) attualmente non supporta la vaccinazione con la terza iniezione e vuole dare la priorità alla vaccinazione nei paesi in via di sviluppo. Leggi anche: Via libera alla terza fase di Corona: a chi giova?

READ  Vaccinazione obbligatoria in sanità o no? "Se non vuoi, non appartieni a questo posto."