Settembre 19, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

Sciensano: ‘Il contagio tra i vaccinati si riduce del 90%’

I vaccini proteggono dall’ulteriore diffusione del virus in due modi: riducono il rischio di infezione e rendono la persona vaccinata meno contagiosa se viene infettata.

Lo dimostra uno studio (link is external) condotto dall’Istituto belga di sanità Sciensano, pubblicato sulla rivista professionale internazionale Vaccine. I risultati risalgono al periodo precedente alla diffusione della variante delta in Belgio.

Le persone vaccinate hanno meno probabilità di essere infettate dopo un contatto ad alto rischio
In Belgio, per il periodo dal 25 gennaio al 24 giugno 2021, non è stata fatta alcuna distinzione tra le persone che erano già state completamente vaccinate e quelle che non avevano ancora ricevuto il vaccino: dopo il contatto ad alto rischio sono stati seguiti la quarantena e due test PCR . Per tutti.

L’Istituto sanitario belga Sciensano sta ora utilizzando i risultati dei test e i dati di tracciamento dei contatti per vedere quanto sia efficace la vaccinazione nella protezione dall’infezione da coronavirus.

I ricercatori hanno confrontato il rischio di un test positivo per 8000 contatti immunizzati ad alto rischio con 282.000 contatti non vaccinati ad alto rischio.

Ciò dimostra che la vaccinazione completa con il vaccino mRNA (Pfizer o Moderna) ha ridotto la possibilità di infezione dal 74 all’85%. Era evidente che la protezione era migliore dopo la vaccinazione completa rispetto a una sola dose di vaccino mRNA. Questo studio prende in considerazione tutti i test positivi, così come le persone che non hanno mostrato sintomi.

Pertanto, il grado di protezione contro il coronavirus è leggermente inferiore in questo studio rispetto agli studi di protezione contro la malattia sintomatica (grave).

READ  HEMA vende pillole per il controllo dell'inquinamento atmosferico: i consumatori sono fuorviati

Le persone completamente vaccinate con un test COVID-19 positivo passano il virus a un tasso inferiore

Se qualcuno continua ad essere infetto dopo una vaccinazione completa, quella persona è contagiosa come una persona non vaccinata? I ricercatori hanno esaminato le infezioni tra 990 persone con infezione dopo la vaccinazione completa (i cosiddetti “casi indicatori”) e i loro contatti non vaccinati ad alto rischio.

I casi indice vaccinati hanno trasmesso il virus dal 52 al 62% in meno rispetto ai casi standard non vaccinati.

Entrambi i tipi di protezione possono anche coesistere: se sia il caso indice che il contatto ad alto rischio sono completamente vaccinati, ci sono circa il 90% in meno di infezioni rispetto ai contatti tra individui non vaccinati.

sto ancora attento

Nonostante questi risultati positivi, è importante tenere a mente alcune avvertenze.

Questo studio è stato condotto durante il periodo in cui la variante alfa era prevalente in Belgio. È possibile che la protezione contro la variabile delta sia meno efficace. Tuttavia, i ricercatori non hanno ancora informazioni specifiche su questo argomento.

Inoltre, questo studio non include i dati di tracciabilità dei contatti, ad esempio, nei centri di assistenza residenziale, che operano attraverso un sistema separato. È possibile che la protezione negli anziani sia inferiore a quella della popolazione attiva. Anche qui i ricercatori non hanno le informazioni necessarie.

Infine, la maggior parte dei risultati dei test durante il periodo di studio proveniva da individui non vaccinati.

Non è stato possibile fornire dati affidabili sulla protezione offerta dai vaccini AstraZeneca e Janssen, poiché solo un numero limitato di persone era completamente immunizzato alla fine di giugno.

READ  Un vaccino contro tutte le varianti e il futuro focolaio del Corona virus: non sembra impossibile

Sciensano sottolinea che l’infezione tra persone vaccinate può ancora verificarsi, e quindi è importante che tutti seguano le regole attuali.

Dalla fine di giugno, le regole di quarantena sono state meno rigorose per i contatti immunizzati ad alto rischio. Foto AZ / jp / N