Settembre 25, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

Israele: “Chi ha contratto il Covid-19 è meglio protetto dalla variante delta rispetto a chi è stato vaccinato con Pfizer”

È noto da diverse settimane che i vaccini stanno lottando per fermare la variante delta, in particolare quelli di Pfizer. Tuttavia, secondo un importante studio condotto in Israele, l’alternativa avrebbe molte meno probabilità di penetrare in un organismo che ha già combattuto il coronavirus.

Diversi studi questa estate hanno scoperto che il vaccino Pfizer è relativamente inefficace contro l’infezione con il ceppo Delta del coronavirus, fornendo al contempo una buona protezione contro i sintomi gravi. Ciò era particolarmente evidente in Israele, dove I tassi di infezione sono aumentati drasticamente Nonostante una campagna di vaccinazione di successo dall’inizio dell’anno.

Ora, un nuovo studio israeliano mostra – secondo gli autori, il più grande studio osservazionale condotto sull’argomento fino ad oggi – che chi è guarito da un’infezione da corona è molto meglio protetto dalla variante delta rispetto a chi è stato vaccinato con la Pfizer vaccino. Lo studio ha analizzato il database Maccabi Healthcare Services, un servizio sanitario con 2,5 milioni di cartelle cliniche israeliane.

Da 7 a 27 volte più probabilità di sviluppare i sintomi della malattia

Secondo i ricercatori, le persone che hanno ricevuto due dosi del vaccino Pfizer-BioNTech avevano da 6 a 13 volte più probabilità di sviluppare un’infezione di tipo delta e da 7 a 27 volte più probabilità di sviluppare sintomi della malattia (febbre, tosse, difficoltà respirazione, diarrea). , perdita del gusto o dell’olfatto, dolori muscolari, debolezza, mal di testa e mal di gola) da coloro che si sono ripresi da una precedente infezione da corona.

Anche il rischio di ricovero è risultato più alto in coloro che sono stati vaccinati rispetto a quelli che sono stati trattati. Tuttavia, il numero di ricoveri ospedalieri è stato molto basso. Non ci sono stati decessi in nessuno dei due gruppi.

READ  Non c'è un controllo verde nell'app CoronaCheck dopo la prima iniezione in un altro paese dell'UE

I casi qui studiati riguardano individui che sono stati infettati o vaccinati a gennaio e febbraio. I tassi di incidenza per la variante delta sono stati calcolati a giugno, luglio e nella prima metà di agosto, quando la variante è diventata prevalente in Israele.

“Non infettarti volontariamente”

La famosa rivista Scienza Agli scienziati che non hanno partecipato allo studio è stato chiesto di rispondere. Non sono stati davvero sorpresi dai risultati.

“Questo è un classico esempio di come l’immunità naturale sia davvero migliore della vaccinazione. Per quanto ne so questa è la prima volta [dit] Ciò è stato davvero dimostrato nel contesto di Covid-19, ha affermato Charlotte Thalin, medico e ricercatore in immunologia presso il Danderyd Hospital e il Karolinska Institutet che studia le risposte immunitarie al SARS-CoV-2.

Tuttavia, gli scienziati non vogliono interpretare erroneamente i risultati di questo studio. Voler infettarsi per evitare il vaccino e quindi proteggersi meglio è pericoloso. “Quello che non vogliamo è che la gente dica: ‘Okay, devo uscire e farmi infettare, e devo andare a una festa per i contagiati. Perché qualcuno potrebbe morire, ha avvertito Michael Nussensweg, un immunologo della Rockefeller University.

Inoltre, cercare di contaminare volontariamente può finire molto male per te. Marion Pepper, immunologa dell’Università di Washington a Seattle, spiega che lo studio dimostra i benefici dell’immunità naturale, ma “non tiene conto di ciò che questo virus fa al corpo per arrivarci”. Oltre al rischio di sviluppare una malattia grave o addirittura il ricovero in ospedale, esiste la possibilità che tu debba lottare per molto tempo con le conseguenze dell’infezione.

Infine, va notato che gli scienziati intervistati da Science vedono alcune limitazioni a questo studio, come la debolezza intrinseca dell’analisi retrospettiva rispetto allo studio prospettico in cui tutti i partecipanti vengono regolarmente testati valutando nuove infezioni, infezioni accidentali, ricoveri e deceduti. Da seguire.

READ  Un paziente di tutta la sua famiglia a causa di Corona da 1,5 anni è in quarantena

Cosa mostra anche lo studio?

I ricercatori israeliani hanno anche analizzato il caso in cui le persone che si erano riprese dal coronavirus hanno ricevuto una dose del vaccino. All’inizio dell’anno, lo stato ebraico ha somministrato una sola dose del vaccino alle persone che si erano già riprese dal virus.

Si è scoperto che queste persone erano leggermente meglio protette contro la variante delta rispetto alle persone guarite che non avevano ricevuto alcuna dose del vaccino. Non sorprende che la combinazione “vaccino + recupero” offra la massima protezione.

Sottovalutiamo ancora l’importanza dell’immunità naturale alle infezioni, specialmente quando l’infezione è recente. E quando aumenti quell’immunità con una dose del vaccino, raggiungi livelli che un vaccino esistente non può eguagliare”.

I dati sono stati pubblicati come articolo preliminare su medRxiv e lo studio non ha ancora superato la revisione tra pari. è possibile Qui essere un osservatore.

(Sono)

Leggi anche: