Inaugurazione dell’albero commemorativo della Corona – Comune di Zweighardt

La sera di martedì 18 giugno 2024 si è svolta a Zweindrecht l’apertura simbolica del luogo dedicato alla commemorazione delle vittime del Corona. Questo è un albero commemorativo della Corona. Il sindaco Leon Annenk, insieme al promotore e residente Goni De Haas, hanno inaugurato la sede svelando lo striscione commemorativo vicino all’albero.

Albero commemorativo

L’albero commemorativo si trova a Willem van Orangelaan vicino a Jan van Nasostraat. È ginkgo biloba. Intorno all’albero è stato creato un sentiero e davanti all’albero c’è una panchina.

Conseguenze visibili e invisibili

La maggior parte delle persone si è lasciata alle spalle il periodo del Corona. Sfortunatamente, questo non si applica a tutti. Per alcune persone, Corona non se ne va mai. Ad esempio, perché hanno perso una persona cara. Oppure perché a volte soffrono di gravi disturbi a causa del lungo periodo di coronavirus. La tristezza è ancora presente in loro e le conseguenze di questo periodo difficile sono ancora evidenti.

Il sindaco Leon Annenk e l’assessore Jacqueline Van Dongen hanno tenuto un breve discorso d’inaugurazione. Il sindaco Leon Annenk: “Con l’albero commemorativo diamo ai residenti un posto per commemorare i loro cari deceduti a causa del Corona, ma ovviamente anche per pensare alle conseguenze del virus. Ecco perché Penso che sia importante poter offrire questo. Il posto è per i residenti”.

Consigliera Jacqueline Van Dongen: “L’albero e la posizione sono stati scelti con cura. Questo albero simboleggia la speranza, la forza della vita e l’amore e rimarrà qui per molto tempo. In autunno le sue foglie diventano di un bellissimo giallo dorato possiamo soddisfare i desideri della signora Gunnie de Haas e tante altre persone nella nostra comunità possono abbracciarlo e vederlo realizzarsi qui.

READ  Lucille si è presa il polmone del Covid: 'Continuavano a mandarmi a casa dicendo 'Non c'è niente che non va'

iniziativa

Goni de Haas aveva già parlato con il comune della possibilità di creare un luogo commemorativo. Questo posto esiste adesso. De Haas: “Solitudine, paura, tristezza (silenziosa) e molto altro: era tutto lì: spero che il luogo della memoria diventi un luogo di riposo, memoria e ricordo per tutti coloro che sono stati colpiti in qualsiasi modo durante la pandemia di Corona. ” “.

Divulgazione 1

Next Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Welcome Back!

Login to your account below

Retrieve your password

Please enter your username or email address to reset your password.