Settembre 19, 2021

CiSiamo.info

Rimani aggiornato sugli ultimi sviluppi dell'Italia sul campo con le notizie basate sui fatti di Cisamos, filmati esclusivi, foto e mappe aggiornate.

“Dunes”, uno dei film che dovrebbe aiutare il cinema nel 2021, è un film enorme come raramente si vede ★★★★ ☆

Denis Villeneuve è il miglior regista di successo al mondo? La risposta è sì, e l’ultima guida si chiama Duna. Non appena le prime immagini maestose sono apparse sullo schermo, ci siamo resi conto di quanto ci fossimo persi per gli altri blockbuster di Hollywood, non solo ai tempi di Corona, ma anche prima. In una scena di un film che ha dominato la fabbrica di supereroi per più di un decennio – film che non sono prodotti così male quanto sono intercambiabili – è raro vedere film come Duna, dove ogni scatto è una scoperta.

Non che la storia sia davvero sorprendente: Villeneuve è basato sul famoso romanzo di fantascienza di Frank Herbert del 1965, che è già stato adattato più volte – ma non ha mai avuto molto successo, basta chiedere a David Lynch – ed è stato avidamente saccheggiato dai suoi autori. Guerre stellari occupazione immagine simbolo. Cospirazione Duna È diventato una sorta di archetipo, al quale Villeneuve attribuisce un’esperienza complessiva unica.

Duna Ci porta nell’anno 10191, sul pianeta Arakis: il pozzo dell’inferno dove la temperatura diurna si avvicina ai 60°C e dove giganteschi vermi della sabbia invadono il vasto deserto. Ma Arrakis è l’unico pianeta nell’universo dove si può raccogliere la “spezia”, ​​una sostanza preziosa che dà la vita e permette viaggi spaziali illimitati.

Il duca Leto Atreides (interpretato da Oscar Isaac nella versione di Villeneuve) fu inviato dall’Imperatore per sovrintendere alla bonifica e al controllo dell’originale Freeman. Suo figlio Paul (interpretato da Timothée Chalamet), che eredita anche i superpoteri della madre Jessica (Rebecca Ferguson), si sposta al fronte ma fatica ad assumersi l’enorme responsabilità che ricade sulle sue spalle.

READ  Il principe svedese Julian battezza nella cappella del palazzo di Drottningholm | Proprietà

altri mondi

Villeneuve ha preso quasi la metà del libro di Herbert – l’intero film si chiamava Dune: prima parte – , spalmarlo su una durata superiore alle due ore e mezza. Il risultato è un film relativamente povero in termini di trama, ma molto ricco di atmosfera, dettagli e leggenda. Duna Ti trasporta in altri mondi allo stesso modo Signore degli Anelli Lo ha fatto all’epoca.

Villeneuve aggiunge un gusto sensuale così travolgente che ti senti come se fossi caduto nelle spezie. Combo brutali, eleganti costumi intergalattici, scene d’azione incredibili che sembrano indescrivibilmente cool ma rimangono sempre personali… faranno dilatare le tue pupille, mentre il sorprendente basso del compositore Hans Zimmer (noto dai film di quell’altro colosso Christopher Nolan) gli fa esplodere i timpani con la forza del vento dieci. Questo film ti infuria come un gigantesco verme della sabbia.

Ora Denis Villeneuve ha sfortuna per essersi imposto standard elevati attraverso progetti come Accesso occupazione Blade Runner 2049, che oltre ai grandi film di fantascienza era anche un racconto di vita e di morte e una meditazione sull’umanità. Spara a questo livello Dune: prima parte Un po’ troppo corto. Villeneuve, soprattutto, costruisce pazientemente un mondo, lasciando in secondo piano le dimensioni politica, ambientale e psicologica della storia (per ora?).

Duna Quindi non è profondo o filosofico. Ma sai cos’è un film a dir poco? Stupido, noioso o pigro. Questo è purtroppo davvero eccezionale per un enorme pool di 160 milioni. Questo è un cinema mainstream coinvolgente e coinvolgente di prima classe. Si può solo sperare che lo sia anche Villeneuve La seconda parte Fino a quando Dune diventa il prossimo Star Wars.

“Dion” sarà proiettato nei cinema belgi a partire dal 15 settembre.