Franceschini: “Serve nuovo patto, tutto è a rischio. Conte? Buon Premier”

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini ha dichiarato che serve un nuovo patto per il Governo.

Dario Franceschini
Dario Franceschini

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini ha dichiarato che serve un nuovo patto per il Governo. “Questa esperienza è iniziata per evitare che Salvini assumesse i ‘pieni poteri’ – ha dichiarato al Corriere della Sera -. Solo che si trattava di un elemento sufficiente a far partire il governo”. E ancora: “Serve un nuovo patto” al governo “basta furbizie, si decide insieme”.

“Senza un metodo condiviso e senza una prospettiva comune non c’è futuro – continua Franceschini -. Il Pd non ha collaborato alla nascita di questo governo solo per evitare l’aumento dell’Iva, cosa giusta ma non sufficiente. E noi, pur vedendo i limiti dell’operazione intendiamo andare avanti, un passo alla volta. Se i patti saranno rispettati“.

Franceschini: “Serve nuovo patto, tutto è a rischio”

Comunque il ministro difende il Premier Giuseppe Conte: “Allo stato delle cose fa il premier nel miglior modo possibile”. Insiste però nel dire che per continuare serve un duplice patto nel Governo. Franceschini non fa nomi, ma è chiaro a chi si sta rivolgendo: Luigi Di Maio e Matteo Renzi. “Sta per iniziare l’esame della Finanziaria, che è sempre un appuntamento insidioso anche quando le maggioranze sono omogenee e sono il frutto di una vittoria elettorale. Poi sui territori stanno per celebrarsi le Regionali in Emilia Romagna e Calabria. Ecco, sia in Parlamento che sui territori rischiamo scelte negative”.

La nostra – conclude – è stata una scelta consapevole e convinta. Ma ci sono delle condizioni minime per andare avanti. Per esempio, sulla Finanziaria, dopo aver scalato una montagna che pareva insormontabile e che ha indotto Salvini a scappare da Palazzo Chigi, è emerso un senso di precarietà, è prevalsa la logica delle bandierine di partito. Si sono addirittura fatti appelli alle opposizioni per ricercare in Parlamento maggioranze trasversali su emendamenti alla legge di Bilancio. È inaccettabile. Bisogna decidere sui provvedimenti senza furbizie e in modo collegiale, abbandonando l’idea di voler sconfiggere il partner di governo. Altrimenti si ripete il copione del governo gialloverde”.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.