Premio Nobel per la Pace 2019, la storia del Primo Ministro etiope Abiy Ahmed

Abiy Ahmed è il Primo Ministro dell'Etiopia ad aver ricevuto il riconoscimento del premio Nobel 2019 per la Pace. Tra i candidati vi era Greta Thunberg.

Abiy Ahmed (Foto Facebook)
Abiy Ahmed (Foto Facebook)

Abiy Ahmed ha ricevuto il Premio Nobel 2019 per la Pace. Continua l’assegnazione dei riconoscimenti: venerdì 11 ottobre 2019 è la volta di quello per la Pace il giorno successivo al Premio la Letteratura. Il Premio Nobel per la Pace 2019 è stato assegnato a Oslo, in Norvegia, da parte del Comitato norvegese. L’uomo è stato insignito del Premio Nobel per la Pace 2019 dopo aver raggiunto il famoso accordo con l’Eritrea. Quest’ultimo è stato importante poiché ha posto fine a un conflitto armato che prese piede nel 1998. Tra i candidati vi era anche Greta Thunberg, la giovane svedese attiva nel campo dell’ambiente.

Premio Nobel per la Pace 2019, chi è Abiy Ahmes

Abiy Ahmed è il Primo Ministro dell’Etiopia in carica dal 2 aprile 2018. Uomo di etnia oromo ha ricevuto la nomina dopo diversi anni di proteste in piazza avvenute nel Paese. Si tratta di un esponente politico di grande caratura. Autore della riappacificazione con l’Eritrea con una contesa durata oltre un ventennio. Durante gli anni Duemila sostenne l’accordo di pace promosso dalle Nazioni Unite.

Ha raggiunto un accordo con il dittatore dell’Eritrea, Isaias Afewerki, per la riapertura delle rispettive ambasciate oltre a una efficace ripresa dei commerci. Tra i due Paesi, inoltre, è stato possibile riaprire una rotta aerei oltre ai collegamenti telefonici. Durante il suo primo periodo di Governo, datato aprile 2018, iniziò con la liberazione di migliaia di prigionieri politici. Durante quel periodo ebbe modo di dichiarare lo stato di emergenza per l’Etiopia. La tortura, crimine alquante scabroso nel Paese, ha visto un’analisi ad ampio raggio del problema. Da segnalare, a tal proposito, il licenziamento di alcuni funzionari carcere. Per loro le accuse sono di violazione dei diritti umani.

Il Governo in Etiopa, situazione non semplice

Avviate diverse riforme economiche con tanto di ministri di sesso femminile in carica. Il Paese ha inoltre da un anno un presidente donna, Sahle-Work Zewde. L’avvento di Ahmed ha provocato una sorta di “Abiymania” in Etiopia. Molti esuli hanno fatto ritorno in patria, come il quarto Patriarca della Chiesa ortodossa Abune Merkerios, che aveva vissuto per 27 anni negli Stati Uniti. Ma il processo di democratizzazione, anche in vista delle elezioni dell’anno prossimo, rimane un percorso irto di ostacoli. Nel Paese, però, è alta la rivalità fra le diverse etnie e dal peso dei militari nella vita pubblica. Non sono mancati nuovi episodi di violenze etniche. Ahmed è sfuggito a più di un tentativo militare di rovesciarlo o ucciderlo.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.