E’ morto Felice Gimondi, campione di ciclismo

E' morto il campione di ciclismo Felice Gimondi. L' ex ciclista aveva quasi 77 anni, e ha avuto un arresto cardiaco mentre faceva il bagno in mare

Felice Gimondi
Felice Gimondi
Clicca qui per ascoltare l'articolo

Lutto nel mondo dello sport, che deve dire addio al campione italiano di ciclismo Felice Gimondi. L’ex ciclista ha avuto un arresto cardiaco mentre faceva il bagno in mare, nelle acque dei giardini di Naxos, vicino a Taormina. Sono stati gli altri bagnanti a dare l’allarme, ma quando sono arrivati i soccorsi per il campione non c’era già più nulla da fare, nonostante i tentativi di rianimazione con i massaggi cardiaci.

La carriera di Felice Gimondi

Felice Gimondi intraprese la carriera di professionista nel 1965, e può vantare la vittoria al Giro d’Italia per tre volte (1967, 1969 e 1976), del Tour de France nel 1965 e della Vuelta a España nel 1968. In totale, la sua carriera conta 118 vittorie da professionista. Una carriera contraddistinta dal confronto con Merckx, che però in termini di longevità sportiva ha vinto Gimondi.

I ricordo

“Ho avuto un solo idolo nella mia vita. Felice Gimondi. Ogni volta che lo vedevo era un’emozione perché quando ti innamori di un campione è per tutta la vita. Sei stato un grande Felice” ha scritto via Twitter il Ct della nazionale di ciclismo, Davide Cassani.

Anche la Federazione Ciclistica Italiana ha reso omaggio a Gimondi sul proprio sito: “Addio Felice, grande campione e signore nello sport e nella vita”. “Tutte le nazionali azzurre impegnate in Italia e all’estero porteranno il lutto e sarà osservato un minuto di silenzio in tutte le gare in calendario”, è stato l’annuncio del Presidente Federale Renato Di Rocco.

Elisabetta Riboldi
Nata il 15 luglio 1992, ho seguito il tipico cursus honorum della letterata milanese: diploma al liceo classico G. Berchet, laurea triennale in Lettere Moderne e magistrale in Filologia Romanza presso l'Università degli Studi di Milano. Fervente appassionata di tutte le arti, curioso nelle librerie, alle mostre, nei musei; per quasi dieci anni ho seguito corsi di teatro e, in seguito, di danza ottocentesca. Ma quella stessa curiosità che mi porta a indagare l'arte e la storia mi àncora fortemente all'attualità, di cui cerco di indagare processi e retroscena.