Alfonso Camorani, l’intervista a CiSiamo.info: «La gavetta è fondamentale»

Le parole del tecnico Alfonso Camorani ai microfoni di CiSiamo.info. Dalla gavetta che parte quando si è giovane alla consacrazione sul campo.

Alfonso Camorani
Alfonso Camorani (foto Facebook)
Clicca qui per ascoltare l'articolo

Avellino, Campobasso, Teramo, Salernitana, Lecce, Ternana, Fiorentina, Siena, Casertana, sono solo alcune delle piazze per cuori forti dove Alfonso Camorani è diventato grande. In esclusiva a CiSiamo.info l’ex centrocampista è tornato a parlare della sua carriera e non solo:

Viaggio nella macchina del tempo, prime differenze che riscontra tra il calcio di oggi e il calcio di qualche anno fa?

“Quando giocavo io, tutti grandi club preferivano prendere calciatori già affermati, invece adesso si pesca anche dai piccoli club, magari tornando indietro anche la nostra generazione avrebbe potuto giocare in qualche grande club”.

Tante piazze importanti in cui ha militato Alfonso Camorani. Quale le è rimasta particolarmente nel cuore?

“Di squadre ne ho girate davvero tante, due pero’ mi sono rimaste nel cuore e sono Lecce e Salernitana però Fiorentina, Spezia, Siena, Treviso, Campobasso Sorrento, Pescara, Casertana, le seguo sempre”.

Quant’è importante la famosa gavetta nella crescita di un calciatore?

“Di gavetta ne ho fatta tanta, a tredici anni prendevo tutti i giorni il treno Caserta-Avellino per inseguire i miei sogni, invece i ragazzi di oggi che vogliono giocare a calcio non vogliono fare nessun sacrificio perché hanno tutto dalla vita, la colpa è solo di noi genitori e di nessun altro”.

C’è un rimpianto o una scelta che non rifarebbe nella sua carriera?

“L’unico rimpianto probabilmente e’ quello di aver rinunciato a due anni di contratto in Serie B con il Pescara per accettare di sposare il progetto Casertana in D, città dove vivevo e vivo. D’altronde solo un pazzo come me, poteva fare questa scelta”.

Cosa si aspetta dal futuro?

“Mi piace allenare i giovani, ho una scuola calcio a Curti, in provincia di Caserta. Ho avuto la fortuna di giocare insieme a Vucinic, Verratti, Bonucci, Insigne, Chiesa, Immobile, Tonetto Gege Rossi e contro Totti Del Piero, Pirlo, Cannavaro, Maldini, Kakà, Cassano, Ibrahimovic, Figo, Vieri, davvero lunga la lista’”.