Luka Modric vince il Pallone d’oro, Ronaldo e Messi a bocca asciutta

Il prestigioso premio va al campione croato, davanti a Ronaldo secondo e a Messi quinto

Luka Modric
Il campione croato con la maglia della sua nazionale.

Per una volta il dualismo Messi-Ronaldo si è interrotto. Nella corsa per l’assegnazione del Pallone d’oro sono rimasti a bocca asciutta. Il miglior giocatore del mondo è Luka Modric. Il centrocampista di nazionalità croata del Real Madrid si è aggiudicato il Pallone d’oro 2018. Alle sue spalle il camione portoghese della Juventus, Cristiano Ronaldo, già vincitore in altre 5 occasioni. Terza posto invece per Antoine Griezmann, mentre l’argentino del Barcellona, Lionel Messi, scende fino al quinto posto.

L’anno straordinario di Luka Modric

Modric entra così nella storia del suo paese, diventando il primo giocatore croato a conquistare l’ambito titolo. Solo Davor Suker era riuscito a sfiorare il trofeo, ma non ad afferrarlo, essendosi piazzato al secondo posto dietro Zidane. Modric completa così un anno straordiario, condito la vittoria della Champions League con il Real Madrid e infarcito con il secondo posto durante la Coppa del Mondo, dove è stato eletto miglior giocatore. Prima del Pallone d’Oro il croato aveva già vinto il Best Fifa men’s player, l’Uefa men’s player of the year, il premio di miglior costruttore di gioco dell’anno dell’Iffhs e il titolo miglior centrocampista agli Uefa Club Football Awards. Con il Pallone d’oro, Modric però raggiunge un altro traguardo: verrà ricordato infatti come il primo ad aver spodestato dal trono il duo Cristiano Ronaldo-Lionel Messi, che orami da10 anni si èstava spartendo l’ambito premio.

ne parliamo in pausa pranzo
Commenta su Facebook
Mattia Pirola
Nato il 18 luglio del 1990, vivo da sempre nella tranquilla Cassina de' Pecchi, alle porte della ben più caotica Milano. Con una laurea in Storia ho soddisfatto la mia voglia di conoscere il passato e con l'attività giornalistica la necessità di analizzare il presente, ben consapevole che questa epoca sarà ricordata per le sue innumerevoli contraddizioni.