Bonanni: “Tracciamento evita lockdown”

Paolo Bonanni, esperto di Sanità Pubblica e professore ordinario di Igiene all'Università di Firenze, al 'Corriere della Sera' ha parlato del futuro.

Coronavirus bollettino
Foto: PIxabay

Paolo Bonanni, esperto di Sanità Pubblica e professore ordinario di Igiene all’Università di Firenze, al ‘Corriere della Sera’ ha parlato del futuro. “Se dovessimo avere in autunno una recrudescenza di nuove infezioni sarebbe necessario un altro lockdown? Bisogna capire quanto crescono i casi. Se siamo capaci di contenerli là dove si manifestano, non sarà necessario bloccare di nuovo tutte le attività con un lockdown generalizzato. E’ cruciale valutare la velocità con cui i focolai si diffonderanno”.

Le parole di Bonanni

Mi viene in mente la Liguria, dove ci sono stati pochi giorni fa 14 casi di cui 12 in una casa di riposo. Se succede questo, se si identificano precocemente i contatti stretti e si è in grado di fare il tracciamento dei soggetti che provengono tutti dallo stesso luogo, probabilmente saremo capaci di contenere il contagio con il solo isolamento di alcune zone. Se l’espansione diventa esponenziale, come è stato in Italia a marzo, si supera la capacità di contenimento. Non si riescono a tracciare i contatti: diventa un lavoro enorme, ma ogni dato sul numero dei nuovi casi giornalieri va calibrato su ciascun Paese e sulla relativa capacità di tracciamento in base alla dimensione della popolazione”.

Andrea Gussoni
Nato il 28 gennaio 1986, fin dai tempi dei miei studi ho seguito le mie passioni, prima diplomandomi al liceo linguistico Virgilio e poi laureandomi in Psicologia delle Comunicazioni. Ho iniziato a lavorare come giornalista sportivo nel 2008 ma negli anni ho ampliato i miei orizzonti, professionali e non.