Crisanti: “Altro che 60mila contagiati, in Italia ce ne sono 450mila”

Andrea Crisanti, direttore dell’Unità complessa diagnostica di Microbiologia a Padova, già docente di Virologia all'Imperial College di Londra, in un'intervista al 'Corriere della sera' si è detto scettico sui numeri forniti dalla Protezione Civile.

Coronavirus possibile cura
Coronavirus

Andrea Crisanti, direttore dell’Unità complessa diagnostica di Microbiologia a Padova, già docente di Virologia all’Imperial College di Londra, in un’intervista al ‘Corriere della sera’ si è detto scettico sui numeri forniti dalla Protezione Civile. “Non riesco a spiegarmi come sia stato possibile sottovalutare le dimensioni dell’emergenza, quando erano sotto gli occhi di tutti. In Lombardia i malati saranno almeno 250mila, 150mila sintomatici e 100 mila asintomatici. In Italia ne calcolo 450mila…altro che 60mila”.

Le parole di Crisanti

Due sono i dati da considerare. Quello della Cina e quello registrato a Vo’ Euganeo, dove è stata fatta per la prima volta al mondo un’indagine epidemiologica su un’intera popolazione. Questi numeri sono simili e ci dicono che il tasso di letalità è sotto il 2%, considerando tutto si arriva all’1,5%, e che la percentuale di asintomatici che contagiano è altissima (40%). Cosa sulla quale la Cina ha però mentito, evitando di considerarli nelle statistiche”.

Andrea Gussoni
Nato il 28 gennaio 1986, fin dai tempi dei miei studi ho seguito le mie passioni, prima diplomandomi al liceo linguistico Virgilio e poi laureandomi in Psicologia delle Comunicazioni. Ho iniziato a lavorare come giornalista sportivo nel 2008 ma negli anni ho ampliato i miei orizzonti, professionali e non.