Coronavirus: altri 5 o 10 ‘nascosti’ per ogni caso confermato

Coronavirus: altri 5 o 10 'nascosti' per ogni caso confermato. Lo afferma uno studio pubblicato su Science che per questo predica l'utilità dei test

Coronavirus, ecco come 'riaprirà' l'Italia a maggio se il numero degli infetti continuerà a calare
Il coronavirus Covid-19

Coronavirus: altri 5 o 10 ‘nascosti’ per ogni caso confermato. Per ogni caso confermato di covid-19 ci possono essere molto plausibilmente altri 5-10 casi ‘che girano’ non individuati. Questi sono in genere con sintomi più leggeri e sono di per sé meno contagiosi (la metà, il 50%, dei casi confermati), ma sono nel complesso responsabili addirittura di quasi l’80% di tutti i nuovi casi di infezione. Il dato emerge da un rapporto appena pubblicato sulla rivista Science, condotto da scienziati dell’Imperial College di Londra e coordinato da epidemiologi della Columbia University di New York. Lo studio è basato su dati cinesi relativi ai mesi di dicembre e gennaio, quando ancora in Cina non erano state implementate misure di controllo, ad esempio sugli spostamenti e con i tamponi a tappeto.

Coronavirus: altri 5 o 10 ‘nascosti’ per ogni caso confermato

Gli scienziati stimano che in quel periodo in Cina circa sei casi su 7 di covid-19 non venissero riconosciuti. “Significa che se in America ci sono 3500 casi di covid-19 confermati – dice il coordinatore del lavoro Jeffrey Shaman – in realtà ce ne potrebbero essere 35mila in tutto”.

La stessa cosa vale per tutti i paesi occidentali che hanno iniziato in ritardo a fare i tamponi e che comunque non ne hanno fatti a sufficienza. Situazione da non sottovalutare, anche perché “se pure e si prende la malattia da una persona con sintomi lievi, questo non significa che la si prende in maniera leggera – conclude Shaman -. Potresti ugualmente finire in terapia intensiva”, perciò è importante il più possibile implementare i test e renderne disponibili di più economici.