Medicina, allarme per crescita anomala del contagio alle porte di Bologna

La situazione legata al Coronavirus si è fatta improvvisamente pesantissima nel comune di Medicina, in provincia di Bologna, e dalla frazione di Ganzanigo.

Coronavirus, lo studio: fine contagi in Italia a maggio?
Il coronavirus Covid-19

La situazione legata al Coronavirus si è fatta improvvisamente pesantissima nel comune di Medicina, in provincia di Bologna, e dalla frazione di Ganzanigo. Lo riferisce una nota della Regione Emilia-Romagna, indicando una “crescita anomala del contagio“.

Medicina, la situazione

In base all’ordinanza, dalla mezzanotte passata non è più possibile uscire dal comune. Vi possono entrare i soli residenti ancora fuori dall’area circoscritta e chi lavora nei servizi pubblici e privati essenziali.

Le parole di Bonaccini

Il governatore Stefano Bonaccini, da poco confermato, ha così motivato la decisione. “È uno degli atti più sofferti che io abbia assunto da presidente della Regione ma le informazioni e le indicazioni che ho raccolto dai tecnici non mi hanno permesso altra scelta. È infatti doveroso fermare in tutti i modi l’ulteriore diffusione del virus, che già così duramente sta colpendo anche l’Emilia Romagna. Da diversi giorni il numero dei contagi e dei decessi a Medicina registra una crescita tale da richiedere un intervento drastico per arginare il contagio, a tutela dei residenti dello stesso Comune e di un’area vasta come quella metropolitana di Bologna. Pur col cuore pesante, ritengo di aver agito per il bene comune, col supporto delle indicazioni mediche e scientifiche necessarie, dopo aver riunito l’unità di crisi regionale. Siamo al fianco del sindaco Matteo Montanari e di tutti i cittadini”.

Andrea Gussoni
Nato il 28 gennaio 1986, fin dai tempi dei miei studi ho seguito le mie passioni, prima diplomandomi al liceo linguistico Virgilio e poi laureandomi in Psicologia delle Comunicazioni. Ho iniziato a lavorare come giornalista sportivo nel 2008 ma negli anni ho ampliato i miei orizzonti, professionali e non.