Obesità infantile in Italia: i dati mostrano una situazione preoccupante

I dati Unicef sull'obesità infantile in Italia mostrano una realtà preoccupante, secondo cui il fenomeno è in crescita del 39%

Obesità infantile in Italia
Obesità infantile in Italia

L’obesità infantile in Italia è in crescita: lo mostrano chiaramente i dati illustrati dal Presidente di Unicef Italia Francesco Samengo. Il quale ha spiegato che la situazione italiana è “preoccupante”.

L’obesità infantile in Italia

Infatti, la percentuale dei bambini sovrappeso, tra i 5 e i 19 anni è del 36,8%, con un aumento del 39,1% rispetto ai dati del 1990. Questo è quanto messo in luce dal rapporto UnicefLa condizione dell’infanzia nel mondo 2019: bambini, cibo e nutrizione – Crescere sani in un mondo in trasformazione”.

Malnutrizione non significa solo non avere da mangiare a sufficienza, ma anche mangiare in modo errato o malsano”, ha spiegato Samengo. “Con questo rapporto, si vuole mettere in luce anche il problema dell’obesità infantile che sta assumendo le caratteristiche di una vera e propria epidemia”. Il problema riguarda non solo l’Italia, perché anche in Europa orientale e in Asia centrale un bambino su 7 sotto i 5 anni è in sovrappeso. Dal 2000 al 2016 la percentuale in sovrappeso fra i 5 e i 19 anni è raddoppiata da 1 su 10 a circa 1 su 5.

Elisabetta Riboldi
Nata il 15 luglio 1992, ho seguito il tipico cursus honorum della letterata milanese: diploma al liceo classico G. Berchet, laurea triennale in Lettere Moderne e magistrale in Filologia Romanza presso l'Università degli Studi di Milano. Fervente appassionata di tutte le arti, curioso nelle librerie, alle mostre, nei musei; per quasi dieci anni ho seguito corsi di teatro e, in seguito, di danza ottocentesca. Ma quella stessa curiosità che mi porta a indagare l'arte e la storia mi àncora fortemente all'attualità, di cui cerco di indagare processi e retroscena.