Terapia anticancro a base di car-t arriva in Italia e promette una rivoluzione

La rivoluzionari terapia anticancro a base di car-t arriva in Italia. L'Agenzia italiana del farmaco ha dato il via libera alla rimborsabilità della prima terapia a base di cellule Car-t.

Terapia anticancro a base di car-t arriva in Italia
Terapia anticancro a base di car-t arriva in Italia
Clicca qui per ascoltare l'articolo

La rivoluzionari terapia anticancro a base di car-t arriva in Italia. Come riporta l’Adnkrons, l’Agenzia italiana del farmaco ha dato il via libera alla rimborsabilità della prima terapia a base di cellule Car-t disponibile in Italia. Lo ha riferito in una nota: “La nuova terapia, denominata Kymriah, potrà essere prescritta secondo le indicazioni approvate da Ema e utilizzata presso i centri specialistici selezionati dalle Regioni“. Servirà “per pazienti e adulti con linfoma diffuso a grandi cellule B (Dlbcl) resistenti alle altre terapie o nei quali la malattia sia ricomparsa dopo una risposta ai trattamenti standard e per pazienti fino a 25 anni di età con leucemia linfoblastica acuta (Lla) a cellule B”.

“Le terapie Car-T – continua la nota – rappresentano una strategia immunoterapica di ultimissima generazione nella lotta ai tumori ematologici. Utilizzano i globuli bianchi (linfociti T) prelevati dal paziente e appositamente ingegnerizzati per attivare il sistema immunitario. Una volta reinfusi nel paziente, entrano nel circolo sanguigno e sono in grado di riconoscere le cellule tumorali e di eliminarle”.

Terapia anticancro a base di car-t

Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di sanità e direttore del Dipartimento di onco-ematologia pediatrica dell’ospedale Bambino Gesù di Roma ha spiegato cosa accadrà adesso. “La prima terapia anti-cancro Car-T in Italia potrà essere somministrata a 30-40 pazienti pediatrici e a circa 500 adulti”.

Il trattamento è indicato per adulti con linfoma diffuso a grandi cellule B (Dlbcl) resistenti alle altre terapie o nei quali la malattia sia ricomparsa. La terapia servirà anche per i pazienti fino a 25 anni di età con leucemia linfoblastica acuta (Lla) a cellule B.

Ora resta da stabilire quali saranno i centri in Italia dove sarà disponibile la terapia. “Decideranno il Governo, le Regioni e l’Aifa – continua Locatelli. E per i tempi? “Certamente entro l’anno sarà disponibile”.

Le tempistiche

Andando più nel dettaglio con le tempistiche, l’azienda produttrice Novartis riferisce: “Presumibilmente (la nuova terapia Car-T) sarà disponibile dal prossimo settembre”. “L’iter – prosegue Novartis – prevede inoltre che le Regioni identifichino i centri ematologici autorizzati a erogare il trattamento, centri che saranno opportunamente qualificati sulle procedure necessarie a somministrare tisagenlecleucel, in linea con le richieste dell’Agenzia europea (Ema)”.

Trattati 10 bambini a Monza

Sempre come riferisce l’Adnkronos, la leucemia linfoblastica acuta è la forma di tumore più frequente nei bambini. La prima Car-T Cell approvata in Italia rappresenta ora una speranza di cura per quei bambini che non avrebbero altre opzioni terapeutiche a disposizione.

Alla Fondazione Monza e Brianza per il Bambino e la sua Mamma all’Ospedale San Gerardo d Monza – ricorda l’azienda produttrice Novartis in una nota – c’è l’unico centro in Italia a sperimentare tisagenlecleucel in ambito pediatrico. Ad oggi ha trattato dieci bambini. E ancora: “Al valore scientifico di questa assoluta novità terapeutica si aggiunge il valore clinico perché la sua efficacia è profonda e duratura. Anche in pazienti molto fragili.”

Altre notizie sulla salute su https://www.cisiamo.info/salute/.

Mattia Pirola
Nato il 18 luglio del 1990, vivo da sempre nella tranquilla Cassina de' Pecchi, alle porte della ben più caotica Milano. Con una laurea in Storia ho soddisfatto la mia voglia di conoscere il passato e con l'attività giornalistica la necessità di analizzare il presente, ben consapevole che questa epoca sarà ricordata per le sue innumerevoli contraddizioni.