Meningite a Roma, Giulia Grillo lancia un appello perché i ragazzi si vaccinino

L'appello di Giulia Grillo va controcorrente rispetto alle spinte no vax che esistono anche all'interno del suo partito, il Movimento 5 Stelle. Ed è giunto dopo che l'attenzione dei media si era concentrata sui recenti casi.

Meningite
Meningite

Meningite a Roma, è sempre più un’emergenza. Il Ministro della Salute,
Giulia Grillo, lancia un appello perché i ragazzi si vaccinino
. L’appello è giunto in seguito ai numerosi casi registrati nella Capitale. Ricorderete, infatti, il caso del conducente dell’Atac ricoverato qualche settimana fa dopo aver contratto la malattia. E ancora più drammatica era stata la storia del 15enne deceduto i primi di gennaio. Infine, solo ieri, martedì 29 gennaio, avevamo dato la notizia di un caso di meningite a Montecitorio.

L’appello Giulia Grillo

L’appello di Giulia Grillo va controcorrente rispetto alle spinte no vax che esistono anche all’interno del suo partito, il Movimento 5 Stelle. Ed è giunto dopo che l’attenzione dei media si era concentrata sui recenti casi. Inoltre, il nuovo episodio di Montecitorio, dove alcuni parlamentari dovranno sottoporsi a profilassi, ha del tutto aumentato l’apprensione.

La vaccinazione per la meningite B, è bene ricordarlo, è raccomandata per i bambini che hanno meno di un anno. C’è però un’analoga raccomandazione delle autorità sanitarie (per gli altri ceppi) anche per gli adolescenti.

Invito gli adolescenti, oltre che i bambini, a fare il vaccino anti-meningite anche se non è obbligatorio – ha detto Giulia Grillo -. Si tratta di una malattia molto insidiosa. Abbiamo uno dei migliori sistemi di sorveglianza grazie all’attività del Servizio Regionale per l’Epidemiologia, Sorveglianza e controllo delle Malattie Infettive attivato allo Spallanzani. Fondamentale sensibilizzare la cittadinanza sulla vaccinazione anti meningococcica tetravalente Acwy gratuita fino a 19 anni. Per il vaccino anti meningococcica tipo B l’offerta è gratuita per i nati a partire dal primo gennaio 2017″.

Ancora non si parla di emergenza

Per adesso, tuttavia, nessuno vuole parlare di emergenza. Effettivamente, nella regione Lazio, i contagiati sono stati 6. L’anno scorso, nello stesso periodo, furono 14. Però se è vero che 6 è meno di 14, è anche vero che i contagiati sono stati 6 di troppo.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.