Liberalizzazione delle farmacie, M5s ostacola le società di capitale

Il Movimento 5 Stelle ha proposto, tramite il deputato Giorgio Trizzino, un emendamento pertinente alla tematica relativa alla costituzione delle società di capitale.

Emendamento M5s farmacie
Le farmacie e l'emendamento del Movimento 5 Stelle

Le società di capitale nelle farmacie devono essere fermate. Tutto questo è quanto prevede un emendamento, alle legge di bilancio, proposto dal deputato del Movimento 5 Stelle Giorgio Trizzino.

Le farmacie e la quota del 51%, si studia l’emendamento

Si stabilisce che per le società di capitali i soci, che devono rappresentare il 51% del capitale sociale e dei diritti di voto, devono essere iscritti all’albo. Il venir meno di tale condizione precisa che l’emendamento «costituisce causa di scioglimento della società. Tutto questo salvo che la stessa non abbia provveduto a ristabilire la prevalenza dei soci farmacisti professionisti nel termine perentorio di sei mesi. In caso d’intervenuto scioglimento, l’Autorità competente revoca l’autorizzazione all’esercizio di ogni farmacia di cui la società sia titolare».

ne parliamo in pausa pranzo

Le società già costituite alla data di entrata in vigore della legge di bilancio precisa ancora l’emendamento «sono tenute ad adeguarsi entro e non oltre 36 mesi dall’entrata in vigore della medesima legge».

Commenta su Facebook
Alessandro Artuso
Nato a Roma il 18 giugno 1991, ho conseguito la laurea triennale presso l'Università della Calabria e la magistrale all'Università degli Studi di Messina. Giornalista pubblicista, da luglio 2018, ho maturato la mia prima esperienza lavorativa con la redazione calabrese ottoetrenta.it con la quale collaboro da aprile 2015. Ho lavorato nell'azienda Silicon Make App producendo articoli inerenti a tematiche come Sviluppo app, Web marketing e Social media marketing. Interessato alle notizie a tutto tondo, mi pongo come elementi imprescindibili la ricerca e il controllo delle fonti.