Parlamentari europei italiani 2019: i nomi degli eletti

Parlamentari europei italiani 2019, ecco chi sono i nuovi eletto a Bruxelles con le elezioni europee 2019

Parlamentari europei italiani 2019
Parlamentari europei italiani 2019, ecco chi sono i nuovi eletto a Bruxelles con le elezioni europee 2019

In queste ore, in cui lo scrutinio delle schede delle elezioni europee è quasi terminato, si vengono a conoscere anche i nomi dei nuovi parlamentari europei italiani, che inizieranno il loro mandato nel 2019 e lo termineranno nel 2024.

All’Italia spettano 73 seggi, che secondo le proiezioni verranno divisi, per la maggior parte, tra la Lega di Matteo Salvini, il Partito Democratico di Nicola Zingaretti e il Movimento 5 Stelle di Luigi Di Maio. I restanti seggi saranno spartiti tra Forza Italia, Fratelli d’Italia e SVP.

I risultati sono divisi nelle cinque circoscrizioni elettorali in cui è suddiviso il Paese.

Parlamentari europei italiani Lega

La Lega si attestato come primo partito italiano alle elezini europee 2019. Con il 34,33% dei voti spettano al partito di Salvini 28 seggi al Parlamento europeo. Ecco l’elenco dei candidati della Lega che potrebbero essere eletti in Europa.

Circoscrizione nord-ovest

La circoscrizione Nord-ovest raggruppa Liguria, Lombardia, Piemonte e Valle d’Aosta. Qui la Lega si attesta al 40,70%, confermandosi come primo partito della circoscrizione. Dei 29 seggi, sicuramente alla circoscrizione di Nord Ovest ne spettano 20. Alla Lega ne spetteranno perciò probabilmente 8. Questi sono gli 8 candidati che hanno ottenuto il maggior numero di preferenze:

Matteo Salvini

Matteo Salvini

Matteo Salvini è capolista in tutte le circoscrizioni, e con quasi un milione di prefereze andrà certamente a Bruxelles. Il leader della Lega è dal 1 giugno 2018 è Ministro dell’Interno e Vicepremier nel Governo Conte, formato insieme a Luigi Di Maio. Sotto la sua guida, il Partito ha subito una crescita esponenziale negli utlimi anni, ed è arrivato a tessere alleanze a livello europeo con leader internazionali come Marine Le Pen e l’ungherese Orban.

Angelo Ciocca

Con 89.524, Angelo Ciocca si aggiudicherà probabilmente il secondo seggio leghista della circoscrizone. Attivo con il Carroccio dal 1996, Ciocca è stato attivo nella Regione Lombardia come Consigliere Regionale.

Silvia Sardone

Silvia Sardone ottiene 44.592, e quindi probabilemente anche il terzo seggio spettante alla Lega. Ex Forza Italia, è attiva nel Consiglio regionale della Lombardia, carica che ricopre tutt’ora dal marzo 2018.

Isabella Tovaglieri

Isabella Tovaglieri

Isabella Tovaglieri raggiunge il quarto posto con 32.104 preferenze, conquistando quindi un seggio. Vicesindaco di Busto Arsizio, nel varesotyto, Isabella Tovaglieri è stata candidata dalla Lega giovani, di cui porterà le istanze in Europa. In una recente intervista a CiSiamo, ha dichiarato di voler portare “un po’ di sfrontatezza” nelle “aule grigie” del Parlamento Europeo.

Danilo Lancini

Danilo Lancini ottiene 21.938 preferenze, e diventa il quinto candidato papabile per un seggio europeo. Sindaco di Adro per due mandati, fino al 2014, è diventato europarlamentare nel 2018 subentrando a Matteo Salvini, eletto senatore.

Gianna Gancia

Gianna Gancia raggiunge le 19.096 preferenze. Imprenditrice, moglie di Roberto Calderoli, è attiva nella Lega con cui è stata eletta Presidente della Provincia di Cuneo fino al 2014 e consigliera regionale nella stessa ciorcoscrizione.

Stefania Zambelli

Sesta in ordine di preferenze è Stefania Zambelli, con 18.745 voti. Leghista della prima ora è vicesindaco a Salò.

Alessandro Panza

Poco sotto, l’ultimo candidato ad aggiuduicarsi un seggio europeo potrebbe essere Alessandro Panza, con 18.130 preferenze. Di Domodossola, è il Responsabile organizzativo in tutta Italia della Lega.

Circoscrizione Nord-est

Nella circoscrizione nord-est la Lega si attesta al 41,1%. A questa circoscrizione, che comprende Trentino-Alto-Adige, Friuli-Venezia-Giulia, Veneto ed Emilia-Romagna, spettano 14 seggi, quindi alla Lega ne dovrebbero spettare 6 in totale. Poiché Salvini, eletto anche in questa circoscrizione, è capolista in tutte, rimane da capire in quale sarà eletto. Nel casoin cui dovesse venire eletto da un’altra circoscrizone, da questa arriverebbero altri 6 candidati.

Mara Bizzotto

Mara Bizzotto, ottiene 94.662 preferenze. Già eletta nella scorsa legislatura, ed è stata Capodelegazione della Lega al Parlamento Europeo, e Vice Presidente del Gruppo ENF.

Gianantonio Da Re

Con 43.354 Gianantonio Da Re è il terzo candidato più votato in questa circoscrizione. Da Re è Segretario Nazionale Łiga Veneta – Lega Nord.

Paolo Borchia

Paolo Borchia raggiunge le 37.302 preferenze. Già presente a Bruxelles con incarichi per il Partito, nel 2018 rileva da Lorenzo Fontana il ruolo di Coordinatore federale del dipartimento Lega nel Mondo.

Alessandra Basso

Alessandra Basso ottiene 25.185 preferenze. E’ stata candidata Consigliere Comunale alle elezioni amministrative di Bologna nel 2016, ed ora milita attivamente nella Lega.

Elena Lizzi

Elena Lizzi

Elena Lizzi raggiunge i 24.877 voti. Nata a San Daniele del Friuli è stata assessore Cultura e identità, Istruzione, Pari Opportunità di Udine. In un’intervista a CiSiamo ha dichiarato: ” Oggi Udine è crocevia, noi la vorremmo cuore”.

Marco Dreosto

Marco Dreosto

Ottiene 22.862 voti Marco Dreosto. Rappresenta uno dei volti nuovi della Lega, che il partito ha voluto lanciare alle europee dopo che è stato protagonista in positivo nell’amministrazione del proprio territorio.

Circoscrizione centrale

La circoscrizione centrale conta Toscana, Umbria, Marche e Lazio. Qui la Lega prende il 33,45%, e poiché a questa circoscrizione spettano 14 seggi la Lega potrebbe prendere 5 seggi. Anche qui vige l’incognita Salvini, ma qui gli eletti potrebbero essere:

Susanna Ceccardi

Susanna Ceccardi arriva seconda con 43.257 preferenze. Susanna Ceccardi è Sindaco di Cascina di Pisa, e attiva nella Lega.

Antonio Maria Rinaldi

Rinaldi ottiene 36.068 voti, diventando il secondo possibile eletto della Lega. Economista, è un convinto euroscettico, e ha dichiarto all’AdnKronos: “Noi sovranisti siamo al servizio della comunità”.

Anna Bonfrisco

Anna Bonfrisco

Anna Bonfrisco raggiunge 31.897 preferenze. Dopo gli esordi politici nel Partito Socialista Italiano, si sposta verso Forza Italia, per poi diventare nel 2017 candidata della Lega alle politiche del 2018.

Matteo Adinolfi

Adinolfi ottinene 29.842 voti, ed è un probabile eletto della Lega. Al comune di Latina è componente delle commissioni Bilancio, Finanze, Tributi, Economato, Patrimonio, Società partecipate; Attività produttive, Servizi per lo sviluppo del mercato del Lavoro e sostegno all’occupazione; Ambiente e politiche energetiche Commissione; Trasporto pubblico e privato e Sicurezza.

Luisa Regimenti

Luisa Regimenti, responsabile Sanità Lega Lazio

Luisa Regimenti ottiene 23.733 voti. È medico specialista in Medicina Legale e ricopre l’incarico di Presidente dell’Associazione Nazionale Medici Legali – Medicina Contemporanea. In un‘intervista a CiSiamo ha dichiarato: “Esiste la vita reale delle persone che va difesa”.

Circoscrizione meridionale

Questa circoscrizione comprende Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Puglia e Calabria. A questa circoscrizione spettano 17 seggi, ma qui la Lega non è stat il primo partito, e si è fermata al 23,46%. Quindi potrebbero spettare 4 seggi al Partito di Salvini. Fatta salva l’incognita della sua elezione, gli eletti potrebbero essere.

Massimo Casanova

Massimo Casanova prende 64.703 preferenze. Abruzzese, è molto legato al territorio.

Andrea Caroppo

Caroppo ottiene 50.327 voti. Avvocato, è Consigliere Regionale della Puglia, e già segretario Regionale Lega-Salvini Premier Puglia.

Lucia Vuolo

Lucia Vuolo arriva a 41.062 voti. Inizia la carriera politica con Alleanza Nazionale, per poi spostarsi nel PdL. Dal 2014 milita però nella Lega.

Valentino Grant

Valentino Grant ottiene 35.688 di voti. Dalla sua passione per il territorio e la sua esperienza nel settore aziendale che nasce il suo programma europeo a favore dell’economia nazionale.

Circoscrizione insulare

In Sicilia e Sardegna La Lega ottiene circa il 22%, conquistando così forse un seggio degli 8 destinati alla circoscrizione. I possibili eletti sono

Annalisa Tardino

Annalisa Tardino ottiene 32.792 preferenze. La sua attività politica nasce in maniera inaspettata nel 2018 con la candidatura a Sindaco nel Comune di Licata.

Francesca Donato

L’avvocato Francesca Donato ottiene 28.071 preferenze. Donato è un’imprenditrice che da tempo abita in Sicilia ma è di origini venete, che in una recente intervista a CiSiamo ha dichiarato: “L’Unione Europea è da riformare o sarà la fine”.

Parlamentari europei italiani Pd

Il Pd è il secondo partito italiano con il 22,69% dei voti. Per questo, al partito spettano 18 seggi da distribuirsi in tutte le cinque circoscrizioni.

Circoscrizione Nord-ovest

Nel Nord ovest il Pd è il secondo partito dopo la Lega, con il 23, 45% delle preferenze. Dei 20 seggi spettanti alla circoscrizione potrebbero spettare al Pd 5 seggi.

Giuliano Pisapia

Con 266.273 prefereze, il capolista Giuliano Pisapia ottiene sicuramente un seggio a Bruxelles. Avvocato, giornalista e deputato, è stato sindaco di Milano per il PD fino al 2016.

Irene Tinagli

Irene Tinagli

Irene Tignali ottiene 105.647 preferenze. Nel marzo 2010 è stata nominata Young Global Leader dal World Economic Forum. A febbraio del 2015, insieme ad altri, lascia Scelta Civica e aderisce al gruppo parlamentare del Partito Democratico.

Pierfrancesco Majorino

Majorino ottiene 92.990 voti. Fin da ragazzo si è occupato di politica all’interno dei Democratici di Sinistra, di cui è stato segretario cittadino. Nel 2006è entrato a far parte del Consiglio comunale nella lista dell’Ulivo e nel 2008 è scelto come capogruppo del Partito Democratico.

Patrizia Toia

Con 79.379 preferenze si dovrebbe aggiudicare un seggio anche Patrizia Toia Vicepresidente della Commissione Industria. Viene riconfermato quindi il suo seggio che occupa dal 2004.

Brando Benifei

Brando Benifei

Ottiene 50.436 Brando Benifei, già parlamentare europeo per la VIII Legislatura. Dal 2014 è il più giovane europarlamentare nella delegazione dei Socialisti e Democratici. Si occupa soprattutto di politiche per i giovani e di nuove tecnologie.

Circoscrizione Nord-est

Qui il Pd si attesta al 23,79%, e per questo dei 14 seggi della circoscrizione se ne aggiudica solo 3.

Carlo Calenda

Carlo Calenda

Il capolista Calenda ottiene 275.161 voti. Ex Ministro dello Sviluppo economico fino al 2018, è Rappresentante permanente dell’Italia presso l’Unione europea.

Elisabetta Gualmini

Elisabetta Gualmini (Facebook)

Elisabetta Gualmini, alla sua prima campagna elettorale, ottiene 77.177. E’ vicepresidente della Regione Emilia Romagna e la sua candidatura con il Partito Democratico alle elezioni europee viene dal sogno di un’Europa più vicina ai cittadini.

Paolo De Castro

Paolo De Castro

L’ex Ministro dell’Agricoltura Paolo De Castro riconferma probabilmente il suo seggio in Europa con 52.087 voti, iniziando così il suo terzo mandato.

Circoscrizione centrale

Qui il Pd ha ottenuto il 26,82%. Questa circoscrizione ha a disposizione 14 seggi, di cui il Partito Democratico se ne aggiudicherà probabilmente 4.

Simona Bonafé

La capolista Simona Bonafè ha ottenuto 125.769 voti. Il suo seggio al Parlamento Europeo, dove si è occupata è stata membro della Commissione per l’ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare e della Delegazione per le relazioni con gli Stati Uniti.

David Maria Sassoli

David Maria Sassoli arriva a 92.412 preferenze. Anche il seggio in Europa dovrebbe venire riconfermato. Eletto nel 2014, Sassoli è stato il capo delegazione del Pd nell’ala dei Socialisti e Democratici.

Pietro Bartolo

Con 85.503 voti, Pietro Bartolo potrebbe essere il terzo eletto in questa circoscrizione. Tuttavia, poiché è capolista nella circoscrizione insulare, è possibile che venga eletto in quella, liberando un posto in questa. Medico a Lampedusa, si occupa del primo soccorso ai migranti. E’ infatti, dal 1992, responsabile delle prime visite a chi sbarca a Lampedusa.

Massimiliano Smeriglio

Massimiliano Smeriglio ottiene il 59.499 dei voti. Smeriglio è stato Vicepresidente della Regione Lazio con delega alla formazione, incarico che ha lasciato nel 2010 proprio per partecipare alle elezioni europee.

Roberto Gualtieri

Roberto Gualtieri

Se Bartolo venisse eletto nella circoscrizione insulare, Gualtieri guadagnerebbe il posto, con 54.270 preferenze.

Circoscrizione meridionale

Con il 17,85%, il Pd è il terzo partito. Questa circoscrizione ha diritto a 17 seggi, quindi il Pd se ne aggiudica solo 3.

Franco Roberti

Il capolista della circoscrizione Franco Roberti ottiene 148.698 preferenze, aggiudicandosi quindi un seggio. Magistrato, assessore alla sicurezza della Regione Campania, dal 1993 al 2001 è stato Sostituto Procuratore Nazionale Antimafia presso la Direzione Nazionale Antimafia. Dal 2013 al 2017 è stato Procuratore nazionale antimafia.

Giuseppe Ferrandino

Ferrandino ottiene 83.134 voti. Sindaco di Casamicciola dal 2002, nel 2007 viene eletto sindaco di Ischia, conservando il mandato fino al 2012. Già candidato alle europee del 2014 risulta in quell’occasione il primo dei non eletti.

Andrea Cozzolino

Andrea Cozzolino, con 81.085 preferenze, potrebbe essere l’unico europarlamentare rieletto in questa circoscrizione. Cozzolino è dunque al suo terzo mandato, poiché è stato eletto per la prima volta in Europa nel 2009.

Circoscrizione insulare

Il Pd guadagna nelle isole solo il 18,48%, che tradotto in termini di seggio significa che ne porta a casa solo 1. Capolista è Pietro Bartolo che con ogni probabilità verrà eletto in questa circoscrizione con 135.098.

Eletti del M5S

Il movimento 5 stelle si è attestato come terzo partito, al 17,07%. Guadagna quindi 14 seggi da distribuire nelle diverse circoscrizioni.

Circoscrizione nord-ovest

Qui il M5S 11,12%, facendosi spazio con soli due seggi. I quali, con ogni probailità andranno a:

Eleonora Evi

Eleonora Evi

La capolista Eleonora Evi raggiunge 16.967 voti, confermando il suo seggio al Parlamento Europeo, dove si è occupata in particolar modo di diritti degli animali e battaglie ambientali.

Tiziana Beghin

Tiziana Beghin ottiene 14.835 voti, e potrebbe essere la seconda candidata eletta in questa circoscrizione al Parlamento europeo. Anche nel nsuo caso si tratterebbe di una rielezione, poiché ha partecipato anche alle elezioni europee del 2014.

Circoscrizione Nord-est

Qui al M5S va anche peggio, visto che ottengono solo il 10,30% delle preferenze. Questo vuol dire che potrebbe essere eletto in questa circoscrizione un solo candidato. Nella fattispecie potrebbe trattarsi di:

Marco Zullo

Zullo ottiene 15.960 voti, e potrebbe dunque essere l’unico candidato del M5S eletto in questa circoscrizione. Anche per lui sarebbe una riconferma, dopo essere stato eletto nel 2014 al Parlamento europeo come prima esperienza politica.

Circoscrizione centro

Scendendo nella penisola, il M5S risale nelle percentuali, e infatti qui guadagna il 15,95% delle preferenze. Non riesce comunque a stare dietro ai numeri della Lega, ma si dovrebbe aggiudicare comunque 2 seggi.

Fabio Massimo Castaldo

Il capolista Fabio Massimo Castaldo ottiene 38.957 voti. Per lui, che è stato nella scorsa legislatura Vicepresidente del Parlamento europeo, si tratterebbe quindi di una riconferma del seggio.

Daniela Rondinelli

Daniela Rondinelli raggiunge 36.189 voti. Dal 2010 fa parte del Comitato Economico e Sociale Europeo, prima come Consigliera (2010-2015) e Vice Presidente del Gruppo Lavoratori, poi come membro di Gabinetto di Presidenza – dove si occupa di relazioni internazionali e di politiche sociali e del lavoro.

Circoscrizione sud

Al sud è la rivalsa del M5S, che si attesta come primo partito della circoscrizione con il 29,16%. In questo modo potrebbe ottenere 5 seggi dei 17 a disposizione.

Chiara Maria Gemma

La capolista della circoscrizione Chiara Maria Gemma ottiene 85.943 voti, diventando così un’altra dei possibili eletti del M5S al Parlamento Europeo.

Laura Ferrara

Laura Ferrara

Laura Ferrara, con 77.696 preferenze, potrebbe essere riconfermata al suo seggio presso il Parlamento europeo, dove è stata Vicepresidente della Commissione Giuridica e membro della Commissione per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni.

Piernicola Pedicini

Piernicola Pedicini

Piernicola Pedicini con 58.058 voti potrebbe essere riconfermato al Parlamento. Qui è stato membro della Commissione per l’ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare, e tra i temi di cui si occupa molti riguardano l’ambiente e la salute.

Rosa D’Amato

I voti per Rosa D’Amato sono stati 38.495. Così potrebbe tornare in Europa, dove dal 2017 ricopre il ruolo di Capo delegazione del MoVimento 5 Stelle al Parlamento Europeo.

Isabella Adinolfi

Isabella Adinolfi ottiene 37.302 voti. Classe 1978, di Nocera, è stata Portavoce M5S al Parlamento europeo per l’Italia Meridionale dopo l’elezione a Bruxelles nel 2014. Si tratterebbe quindi di una riconferma.

Circoscrizione insulare

Anche qui il M5S si conferma primo partito, con il 29,85% delle preferenze. Qui, degli otto seggi in ballo, il M5S potrebbe prenderne due.

Dino Giarrusso

Giarrusso potrebbe essere uno dei nuovi parlamentari europei con 116.794 voti. Il giornalista e autore televisivo ha iniziato la sua carriera politica nel 2018 con il M5S, ma non è stato eletto alla Camera alle elezioni politiche.

Ignazio Corrao

Ignazio Corrao

Anche quella di Ignazio Corrao potrebbe essere una riconferma, con 115.377 voti. Per Corrao, eletto già a Bruxelles nel 2014, potrebbe quindi iniziare il secondo mandato come Parlamentare europeo.

I parlamentari di Forza Italia eletti

Forza Italia, partito di Silvio Berlusconi, si attesta all’8,79%, guadagnado, in tutte le circoscrizioni italiane, 7 seggi.

Circoscrizione nord-ovest

Al Nord-Ovest Forza Italia ha preso l’8,80% delle preferenze. Questo vuol dire che otterrà probabilmente 2 seggi. Che potrebbero andare a:

Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi

Il leader del partito è candidato capolista in tutte le circoscrizioni. Qui ha totalizzato 187.284 voti, mettendo un abisso tra sé e il secondo in ordine di preferenza.

Massimiliano Salini

Con 37.125 voti Salini potrebbe tornare in Europa dopo i suoi primi cinque anni da Europarlamentare di Forza Italia, eletto nel collegio Nord Ovest. Dal 2009 al 2014 è stato anche Presidente della Provincia di Cremona.

Circoscrizione nord-est

Qui FI ottiene il 5,83%, e prende probabilmente un solo seggio. Se, come è probabile, il capolista Berlusconi verrà eletto nella circoscrizione di nord-ovest il seggio potrebbe andare a:

Irene Pivetti

Irene Pivetti ha preso 9.101 voti. Per questo, la conduttrice e giornalista, Presidente della Camera nel 1994, potrebbe essere una dei nuovi europarlamentari italiani. L’attrice, dopo una militanza nella Lega, è approdata a Forza Italia.

Circoscrizione centrale

Anche qui i numeri per Forza Italia sono bassi, poiché si attesta al 6,98%. Per questo potrebbe ottenere un solo seggio. Un posto che quasi sicuramente potrebbe andare ad Antonio Tajani.

Antonio Tajani

Antonio Tajani

63.365 voti per il Presidente del Parlamente europeo negli ultimi anni, che così potrebbe tornare ad occupare il suo seggio a Bruxelles. Tajani è stato l’unico a cui Berlusconi abbia ceduto la posizione di capolista.

Circoscrizone meridionale

Anche in questo caso, pochi voti per Forza Italia, anche se in rimonta. Prende infatti il 12,28% delle preferenze, prendendo così 2 seggi. I parlamentari europei italiani 2019 a Bruxelles potrebbero in questo caso essere, oltre a Silvio Berlusconi, Aldo Patriciello e Fulvio Martusciello.

Aldo Patriciello

Aldo Patriciello

Anche quella di Patriciello potrebbe essere una riconferma. L’europarlamentare FI prende 83.236 voti, e questi potrebbero portarlo un’altra volta in Europa, dove ha fatto parte della Commissione per l’industria, la ricerca e l’energia e della Delegazione alla commissione parlamentare di stabilizzazione e di associazione (SAPC) UE-Albania.

Fulvio Martusciello

Fulvio Martusciello

Uguale discorso vale per Fulvio Martusciello, che ottiene 47.067 voti. Per lui si tratterebbe del secondo mandato a Bruxelles, dove è stato membro della Delegazione per le relazioni con Israele.

Circoscrizione insulare

Nelle isole FI ottiene il 14,77%, e per questo ottiene forse un seggio per un solo europarlamentare europeo. E in questa circoscrizione potrebbe essere Giuseppe Milazzo.

Giuseppe Milazzo

Milazzo ottiene 74.727 voti, e posta l’incognita Berlusconi potrebbe essere uno dei nuovi eletti.

Gli europarlamentari di Fratelli d’Italia

Fratelli d’Italia supera di poco la soglia del 4%, attestandosi al 6,46%. Guadagna così 5 seggi in tutta italia.

Circoscrizione nord-ovest

Qui FdI racimola il 5,65% delle preferenze. Quindi porta a casa un solo seggio per un parlamentare europeo. In questo caso potrebbe essere la capolista in tutte le circoscrizioni Giorgia Meloni.

Giorgia Meloni

Giorgia Meloni

La leader di fratelli d’Italia ottiene qui 92.669 voti. Ministro per la gioventù nel gopverno Berlusconi, fonda insieme a Guido Crosetto e Ignazio La Russa il partito Fratelli d’Italia, nel 2014. Da allora ne è anche il Presidente.

Circoscrizone nord-est

Qui FdI prende il 5,74%. In questo modo riesce a prendere, risicato, un seggio, che dovrebbe andare al secondo in ordine di preferenze. In eusto caso si tratta di Sergio Berlato.

Sergio Berlato

Sergio Berlato ottiene 19.448 voti. Classe 1959, è molto attivo nel volontariato ed èstato eletto per la prima volta in Consiglio regionale del Veneto nel 1990. da allora ha continuato la carriera politica tra Regione e Parlamento Europeo, dove ha svoltotre mandati fino al 2013.

Circoscrizione centrale

Qui FdI ottiene il 6,98%, e si aggiudica così un seggio. SEggio che potrebbe andare a Nicola Procaccini.

Nicola Procaccini

Procaccini ottiene 43.662 voti. Specializzato in diritto amministrativo sul rapporto tra enti locali ed enti governativi, Procaccini è stato per due votle sindaco della sua città, Terracina.

Circoscrizione meridionale

FdI conquista il 7,56%, prendendo anche in questo caso un solo seggio. Che potrebbe andare a Raffaele Fitto.

Raffaele Fitto

Raffaele Fitto

Fitto potrebbe essere uno dei 5 europarlamentari italiani eletti da FdI con 87.731%. Già Presidente della Regione Puglia dal 2000 al 2005, Fitto è stato poi Ministro per gli Affari Regionali nel gverno Berlusconi fino al 2011.

Circoscrizione insulare

Ultimo seggio per Fratelli d’Italia, che qui si attesta al 7,28% delle peferenze espresse dai votanti. In questo caso il seggio potrebbe andare a Raffaele Stancanelli.

Raffaele Stancanelli

Stancanelli ha ottenuto 30.299 voti, che potrebbero portarlo a Bruxelles. Avvocato, nel 1996 viene eletto per la prima volta all’ Assemblea regionale siciliana, dove viene rieletto nel 2001 e nel 2006. Nel 2008 è stato invece eletto Sindaco di Catania.

Elisabetta Riboldi
Nata il 15 luglio 1992, ho seguito il tipico cursus honorum della letterata milanese: diploma al liceo classico G. Berchet, laurea triennale in Lettere Moderne e magistrale in Filologia Romanza presso l'Università degli Studi di Milano. Fervente appassionata di tutte le arti, curioso nelle librerie, alle mostre, nei musei; per quasi dieci anni ho seguito corsi di teatro e, in seguito, di danza ottocentesca. Ma quella stessa curiosità che mi porta a indagare l'arte e la storia mi àncora fortemente all'attualità, di cui cerco di indagare processi e retroscena.