Elezioni europee 2019 in Italia, candidati e liste

Le elezioni europee sono previste per il 26 maggio, in quella sede verranno eletti i 73 eurodeputati italiani

Le elezioni europee sono previste per il 26 maggio, in quella sede verranno eletti i 73 eurodeputati italiani
Clicca qui per ascoltare l'articolo

La data delle Elezioni Europee 2019 si avvicina. Previste il 26 maggio, servono ad eleggere i 73 rappresentanti italiani che siederanno al Parlamento Europeo.

Tra grandi esclusi e new entry sono finalmente stati annunciati i nomi dei candidati delle liste nelle diverse circoscrizioni in cui è suddiviso il territorio italiano.

Le circoscrizioni

Le circoscrizioni nelle quali è suddiviso il territorio italiano sono cinque:

  • Italia nord-ovest (Piemonte – Valle d’Aosta – Lombardia – Liguria)
  • Italia nord-est (Trentino – Alto Adige – Veneto – Friuli V.G. – Emilia Romagna)
  • Italia centrale (Lazio – Marche – Toscana – Umbria)
  • Italia meridionale (Campania – Puglia – Abruzzo – Basilicata – Molise – Calabria)
  • Italia insulare (Sicilia – Sardegna)

L’assegnazione del numero dei seggi alle diverse circoscrizioni sarà effettuata sulla base dei risultati dell’ultimo censimento Istat della popolazione.

La presentazione delle candidature

Le liste di candidati sono state presentate, per ognuna delle 5 circoscrizioni italiane, nel 40esimo o nel 39esimo giorno precedente a quello del voto. Ogni lista doveva essere sottoscritta da un numero di elettori che va dai 30 ai 35mila, tranne i partiti:

  • che abbiano gruppi parlamentari alla Camera o al Senato
  • che abbiano concorso alle scorse elezioni politiche con un proprio simbolo
  • che alle scorse politiche ed europee abbianon ottenuto almeno un seggio

Ogni candidato ha avuto la possibilità candidarsi in più circoscrizioni ma non in più liste con contrassegni diversi. I seggi verranno poi distribuiti nelle singole circoscrizioni dopo aver determinato il numero dei seggi spettanti a ciascuna lista.

I candidati per ogni lista

Le liste hanno un numero minimo di candidati, fissato a 3. Il massimo corrisponde invece al numero di membri del Parlamento Europeo da eleggere nella circoscrizione. In ogni lista, deve esserci equilibrio tra i due sessi, motivo per cui il numero di candidati dello stesso sesso non può essere più della metà.

Le novità per le candidature del M5S

Per candidarsi alle elezioni europee, il Movimento 5 Stelle ha messo in atto un procedimento sulla piattaforma Rousseau. Un nuovo regolamento che aiuti gli elettori ad orientarsi nella scelta dei candidati da elegger. Il nuovo regolamento, infatti, prevede che la classifca dei potenziali candidati venga stilata sulla base di nove “meriti” suddivisi in alcune aree. Maggiore sarà l’aderenza ai meriti, più alto il candidato salirà in classifica.

I nove meriti

La prima categoria riguarda i “meriti generati dalle attività di partecipazione” e si suddivide in

  • cittadinanza attiva e partecipazione ad eventi nazionali”, se il candidato ha svolto l’attività di rappresentante di lista oppure se è stato volontario nell’organizzazione di Italia 5 Stelle o del Villaggio Rousseau
  • attività di partecipazione attraverso la piattaforma Rousseau”, se il candidato ha organizzato sul suo territorio almeno tre call to action oppure se ha presentato almeno una proposta di legge che è stata inserita in una sessione di voto di Lex Iscritti oppure, nel caso di iscritti portavoce, se ha inserito almeno dieci atti nella sezione di Sharing o organizzato due eventi ufficiali

La seconda riguarda i “meriti legati alle caratteristiche del profilo del candidato“, che si dividono in:

  • “Curriculum e titolo di studio“, se il candidato ha conseguito una laurea triennale o specialistica o un dottorato di ricerca o un master post-laurea
  • Conoscenza della lingua inglese”, se il candidato possiede almeno il livello B2 – Livello intermedio superiore della conoscenza della lingua inglese.
  • Meriti per le attività di formazione“, assegnato se il candidato ha partecipato ad almeno un incontro formativo all’interno di un Open Day Rousseau o di un Villaggio Rousseau
  • Formazione online” attribuito se il candidato ha superato i test di almeno tre moduli dei corsi E-Learning presenti sulla piattaforma Rousseau

Terza e ultima area riguarda i cosiddetti “meriti speciali“, che riguardano

  • “Riconoscimenti, menzioni speciali e premi”
  • Supercompetenti“,attribuito se il candidato possiede un alto livello di specializzazione in un determinato campo professionale o di ricerca o se presenta nel suo curriculum esperienze lavorative di eccellenza
  • Altro incarico“, attribuito se il candidato ha già svolto un mandato elettivo, è stato cioè un portavoce del MoVimento 5 Stelle

Le liste

Lega e Movimento 5 stelle, alleati nel governo, hanno deciso di correre alle europee separatamente. A Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni si aggiunge il simbolo di Sovranisti conservatori, come annunciato dalla leader nel corso dell’Assemblea nazionale di Firenze. Per quanto riguarda invece Forza Italia, il leader Silvio Berlusconi ha spiegato di essersi candidato per “andare a svegliare l’Europa nel Partito popolare europeo“.

Unica lista e unico simbolo per il Partito Democratico di Nicola Zingaretti e Siamo Europei:Per le europee si farà una lista comune, con un simbolo comune, metà del Pd e metà di Siamo Europei” ha spiegato Carlo Calenda.
+Europa di Bonino e Della Vedova ha sposato il movimento Italia in Comune a guida Pizzarotti, per sperare di superare la soglia del 4%. Ci sarà poi la lista La Sinistra, formata da diversi partiti: Sinistra Italiana, Rifondazione Comunista, Convergenza Socialista, L’Altra Europa con Tsipras, Partito del Sud e Transform Italia e sarà legata al Partito della sinistra europea.

Europa Verde è collegata ad European Green Party ed è stata definita “Un progetto plurale ma fortemente europeista”, in alleanza con Possibile di Civati. Presente anche Il Popolo della famiglia di Adinolfi, che correrà insieme ad Alleanza Popolare nell’ambito del Partito Popolare europeo. Sempre collegati al Partito Popolare Europeo c’è Popolari per l’Italia di Mario Mauro. Presentata anche la lista di Casapound destre Unite, che correrà divisa da Forza Nuova.

I candidati

Ecco dunque chi sono i candidati schierati dai diversi partiti, suddivisi per circoscrizion in cui correranno.

Movimento 5 Stelle

Cinque capilista donne per il M5S, scelte tra le “eccellenze nel mondo della scienza, dell’università e dell’imprenditoria”. Selezinate da Luigi Di Maio, i cinque profili sono stati sottoposti al voto degli iscritti sulla piattaforma Rousseau prima di essere confermati. Così, il terzo turno di voto stabilirà solo la posizione in lista dei 76 candidati che hanno passato la seconda votazione online.

Circoscrizione Nord-ovest

Nella circoscrizione di Nord-ovest il M5S schiera come capolista Maria Angela Danzì, con qualche guaio a Brindisi e sul curriculum. Evidentemente, nulla che non si possa superare, secondo gli elettori. Tra i nomi dei candidati spicca l’europarlamentare uscente Eleonora Evi, che ha ottenuto il maggior numero di voti nella circoscrizione (2475). Confermata anche l’uscente Tiziana Beghin, seconda nella votazione.
Tra gli altri correranno anche l’avvocato e consigliere uscente a Ventimiglia Silvia Malivindi e l’ex consigliere regionale lombardo Eugenio Casalino.

Circoscrizione Nord-est

Capolista al Nord-est è la giornalista Sabrina Pignedoli, mentre la più votata è stata Viviana Dal Cin. Il M5S schiera anche Nadia Piseddu che nel 2017 fu battuta da Di Maio nella consultazione sul candidato premier.

Circoscrizione centro

Al centro, come capolista ci sarà Daniela Rondinelli, che è membro del Gabinetto di Presidenza del Comitato Economico e Sociale Europeo. Il più votato è risultato essere Fabio Massimo Castaldo, europarlamentare uscente, e con lui spiccano gli uscenti Dario Tamburrano e Laura Agea, affiancati a Tiziana Alterio.

Circoscrizione sud

Chiara Maria Gemma, professore associato in Didattica e Pedagogia speciale a Bari, è capolista per la circoscrizione meridionale. La più votata qui è stata l’uscente Laura Ferrara, seguita subito dopo da Piernicola Pedicini. Confermati anche Isabella Adinolfi e Rosa D’Amato.

Circoscrizione insulare

La manager Alessandra Todde sarà capolista per le isole, dove il più votato è stato l’uscente Ignazio Corrao. Tra i candidati nella circoscrizione delle isole anche l’ex Iena Dino Giarrusso, l’ex collaboratrice parlamentare Flavia Di Pietro e l’avvocato Matilde Montaudo. Presenti anche Donato Forcillo, Antonio Brunetto, Antonella Corrado e Anna Sulis.

Lega

Al contrario degli alleati di governo, che sembra avere le idee già chiare, la Lega ha brancolato nel buio a lungo. Salvini sarà capolista in tutte le circoscrizioni, e pare che il suo esempio abbia influenzato molti all’interno del partito, tanto che solo dalla Lombardia sono settanta le cadidature da valutare. Dalla Campania altri 20, tra appartenenti al partito, imprenditori e civili. Stesso discorso vale per Calabria e Puglia. Grandi esclusi, gli uscenti Angelo Ciocca, Danilo Lancini, Mara Bizzotto, Giancarlo Scottà e Mario Borghezio.

Circoscrizione Nord-ovest

Spiccano tra i nomi della circoscrizione di Nord-ovest quello della Vicesindaca di Busto Arsizio Isabella Tovaglieri, insieme a quello della ex FI Silvia Sardone, al salviniano Alessandro Panza, responsabile organizzativo del Carroccio e Marco Zanni, neo-responsabile Esteri. Spunta tra gli altri anche Gianna Gancia, Presidente della provincia di Cuneo.

Circoscrizione Nord-est

Correrà qui Paolo Borchia, coordinatore federale di ‘Lega nel Mondo’. Insieme, anche Gabriele Padovani, capogruppo d’opposizione nel Consiglio comunale di Faenza, e l’europarlamentare uscente Mara Bizzotto, l’unica europarlamentare uscente confermata.

Circoscrizione centro

Al centro correrà, tra gli altri, l’euroscettico Antonio Maria Rinaldi, mentre come capolista compare sempre Matteo Salvini. Schierati nelle fila della Lega anche la coordinatrice del partito in Toscana Susanna Ceccardi, e insieme l’ex azzurra Anna Cinzia Bonfrisco.

Circoscrizione sud e isole

Nessun nome già noto al Parlamento nemmeno nella circoscrizione del sud, dove accanto al capolista Salvini correranno 18 candidati, mentre nella circoscrizione insulare saranno solo 8. Al sud correrà anche Vincenzo Sofo, fidanzato di Marion Le Pen, e anche l’imprenditore Massimo Casanova.

Partito Democratico

Anche Nicola Zingaretti è stato alle prese con il puzzle europeo al Nazareno.

Circoscrizione Nord-ovest

Capolista al Nord Ovest sarà Giuliano Pisapia, che correrà insieme agli uscenti Patrizia Toia, Brando Benifei, Mercedes Bresso e Daniele Viotti.

Circoscrizioni Nord-est

Carlo Caldenda sarà capolista al Nord-est, insieme agli uscenti Paolo De Castro, Isabella De Monte, e Cecile Kyenge. Spiccano inoltre l’ex capo dell’Agenzia spaziale Roberto Battiston e l’ex capogruppo in Senato di Movimento democratico e progressistaCecilia Guerra

Circoscrizione centro

Capolista per il centro sarà l’uscente Simona Bonafè, insieme a Nicola Danti e Roberto Gualtieri. Tra le novità invece spicca il nome del sindacalista Mamadou Small.

Circoscrizione Sud

Al sud Zingaretti schiera l’ex-procuratore antimafia, Franco Roberti, e anche in questo caso molti sono gli uscenti riconfermati in lista: Nicola Caputo, Andrea Cozzolino ed Elena Gentile. Presente anche la renziana Pina Picierno.

Circoscrizione insulare

Anche qui sarà un’europarlamentare uscente a guidare la lista, e cioè Caterina Chinnici. In lista anche Pietro Bartolo, medico di Lampedusa, e Mila Spicola.

Se il Pd dovesse ottenere attorno al 20% porterebbe a Strasburgo circa 18 deputati contro i 31 del 2014.

Forza Italia

Silvio Berlusconi a Bruxelles ci vuole andare per restare, per proporre una “sovranità europea” rispetto ai giganti mondiali. Così sarà candidato in tutte le circoscrizioni, tranne quella di Centro, riservata ad Antonio Tajani.

Confermati in lista tutti i dieci eurodeputati uscenti: Salvatore Cicu, Alberto Cirio, Lara Comi, Elisabetta Gardini, Innocenzo Leontini, Fulvio Martusciello, Barbara Matera, Aldo Patriciello, Massimiliano Salini e, appunto, Antonio Tajani capolista al Centro. Presenti anche Lorenzo Cesa, segretario dell’Udc, che correrà probabilmente nella circoscrizione Sud insieme all’ex Ministro e Presidente della Regione Campania Stefano Caldoro.

Ma per quanto riguarda il partito, nonostante il tempo stringa, ancora nulla di ufficiale.

Fratelli d’Italia

La lista cercherà di superare la soglia di sbarramento del 4%, e a cortrere, olter a Giorgia Meloni, ci saranno Carolina Varchi, Francesco Scarpinato, l’ex forzista Maria Fernanda Gervasi, Antonella Zedda e il sindaco di Avola Luca Cannata e il 90enne Francesco Alberoni.

Elisabetta Riboldi
Nata il 15 luglio 1992, ho seguito il tipico cursus honorum della letterata milanese: diploma al liceo classico G. Berchet, laurea triennale in Lettere Moderne e magistrale in Filologia Romanza presso l'Università degli Studi di Milano. Fervente appassionata di tutte le arti, curioso nelle librerie, alle mostre, nei musei; per quasi dieci anni ho seguito corsi di teatro e, in seguito, di danza ottocentesca. Ma quella stessa curiosità che mi porta a indagare l'arte e la storia mi àncora fortemente all'attualità, di cui cerco di indagare processi e retroscena.