Elezioni europee 2019: quando, come e dove si vota

Ecco tutti i dettagli su quando, come e dove si vota per le elezioni europee 2019, previste in Italia per il 26 maggio

Ecco tutti i dettagli su quando, come e dove si vota per le elezioni europee 2019

Elezioni europee, manca ormai poco al voto che consentirà agli italiani di eleggere i 73 eurodeputati che rappresenteranno l’Italia a Bruxelles. Si tratta di un voto impoprtante, e se per conoscere nel dettaglio liste e candidati bisognerà aspettare ancora qualche settimana, ed è utile avere alcune informazioni su quando come e dove si vota.

Quando si vota

Il Consiglio dell’unione Europea ha deciso all’unanimità il periodo in cui si svolgeranno le elezioni. In tutti i 27 Paesi dell’Unione europea, infatti, le urne si apriranno tra il 23 e il 26 maggio 2019. Entro quella data, tutti gli Stati membri avranno votato. Poiché ogni Paese potrà scegliere in autonomia la data, è bene precisare che in Italia si voterà domenica 26 maggio, dalle 7 alle 23. Proprio alle 23, quando saranno ufficialmente chiuse le urne in tutti i Paesi, inizierà lo scrutinio.

Dove si vota

Tutto il territorio italiano è diviso in cinque circoscrizioni elettorali: ogni comune fa parte di una di queste circoscrizioni. Si voterà nel proprio comune di residenza, e a votare saranno tutti i cittadini italiani che al 26 maggio 2019 abbiano compiuto 18 anni. Potranno votare in Italia anche i cittadini di altri Paesi membri dell’Ue, purché si siano iscritti nella lista elettorale del proprio comune italiano di residenza. Nel caso di elettori italiani residenti in altri Paesi Ue, sarà possibile eleggere i candidati italiani nelle sezioni elettorali messe a disposizione del Paese in questione: consolati, scuole italiane o altri locali. In questo caso particolare, le liste a cui fare riferimento sarnno quelle presentatate nella circoscrizione alla quale appartiene il Comune di iscrizione elettorale di chi vota.

Per chi dovesse tornare presso il Comune di residenza per votare, sono previste agevolazioni tariffarie nei trasporti.

Come si vota

Una volta giunti al seggio, verrà consegnata ad ogni elettore una matita copiativa, con la quale l’elettore dovrà tracciare una X in corrispondenza della lista prescelta. E’ possibile esprimere fino a tre preferenze per lista, purché, in questo caso, i candidati selezionati siano di sesso diverso.

Elisabetta Riboldi
Nata il 15 luglio 1992, ho seguito il tipico cursus honorum della letterata milanese: diploma al liceo classico G. Berchet, laurea triennale in Lettere Moderne e magistrale in Filologia Romanza presso l'Università degli Studi di Milano. Fervente appassionata di tutte le arti, curioso nelle librerie, alle mostre, nei musei; per quasi dieci anni ho seguito corsi di teatro e, in seguito, di danza ottocentesca. Ma quella stessa curiosità che mi porta a indagare l'arte e la storia mi àncora fortemente all'attualità, di cui cerco di indagare processi e retroscena.