Conte: “Referendum, io voterò per il sì”

Il premier Giuseppe Conte si è esposto in vista del referendum sul taglio dei parlamentari. "Voterò per il Sì, non compromette la funzionalità delle Camere".

Conte Visita a Piacenza

Il premier Giuseppe Conte si è esposto in vista del referendum sul taglio dei parlamentari. “Voterò per il Sì, non compromette la funzionalità delle Camere”.

Le parole di Conte

“Sulla scuola questo governo non ha mai nascosto le criticità, criticità che ci sono ma che accompagnano ogni inizio anno scolastico, anche se questo sì, è un anno particolare. Mes? Mi sono già espresso. Un buon padre di famiglia ha un quadro finanziario da tenere presente e, sulla base delle necessità, valuta se andare o meno in banca. In questo momento siamo concentrati sul Recovery Fund. Se il quadro di finanza pubblica rendesse necessario un supplemento di risorse, lo valuteremo insieme al Parlamento e ci confronteremo. Certamente modificheremo i decreti sicurezza, ci abbiamo già lavorato, è nel programma di governo, lo faremo prima possibile…”, ha concluso Conte.

Le parole di Zingaretti

Nicola Zingaretti a Rtl 102.5 non ci sta. “Tutta questa discussione su patti, non patti, rimpasti la trovo abbastanza surreale. Buttiamoci nella campagna elettorale piuttosto perché in gioco c’è la vita di milioni di persone e facciamolo avendo presenti due valori: passione e unità. Io non minimizzo perché sono molto colpito da come, a pochi giorni dalle elezioni, che scattino discussioni di questo tipo. Comunque malgrado questo dibattito, sono contento di queste due cose: in questo momento il Pd è molto più unito di quanto si racconti e la Direzione sul referendum lo ha dimostrato. Secondo: c’è un dato oggettivo, nel 2018 abbiamo subito la più grande sconfitta nella storia della Repubblica, oggi il Pd ovunque in Italia presenta candidati e alleanze competitive. È possibile diventare il primo partito italiano”, ha concluso Zingaretti.

Andrea Gussoni
Nato il 28 gennaio 1986, fin dai tempi dei miei studi ho seguito le mie passioni, prima diplomandomi al liceo linguistico Virgilio e poi laureandomi in Psicologia delle Comunicazioni. Ho iniziato a lavorare come giornalista sportivo nel 2008 ma negli anni ho ampliato i miei orizzonti, professionali e non.