Salvini: “Open Arms, lo rifarei e lo rifarò”

Il leader della Lega Matteo Salvini ha parlato dopo il sì del Senato al processo.

Salvini: togliere patria potestà a genitori rom che non mandano figli a scuola
Matteo Salvini

Il leader della Lega Matteo Salvini ha parlato dopo il sì del Senato al processo. “Contro di me festeggiano i Palamara, i vigliacchi, gli scafisti e chi ha preferito la poltrona alla dignità. Sono orgoglioso di aver difeso l’Italia: lo rifarei e lo rifarò, anche perché solo in questo luglio gli sbarchi sono sei volte quelli dello stesso periodo di un anno fa, con la Lega al governo”.

Le parole di Salvini

Vado avanti, a testa alta e con la coscienza pulita, guarderò tranquillo i miei figli negli occhi perché ho fatto il mio dovere con determinazione e buonsenso. Mi tengo stretto l’articolo 52 della Costituzione (‘la difesa della Patria è sacro dovere del cittadino’) e ricordo le parole di Luigi Einaudi: ‘Quando la politica entra nella giustizia, la giustizia esce dalla finestra’. Non ho paura, non mi farò intimidire e non mi faranno tacere: ricordo che per tutti i parlamentari, presto o tardi, arriverà il giudizio degli elettori”.

Open Arms

Un anno fa Conte, Di Maio, Toninelli e M5s mi davano una mano a chiudere i porti, e sono gli stessi che stanno spalancando i porti per amor di poltrona. Ma non mi piango addosso… La Costituzione dice che difendere la Patria è un dovere… La risposta la lascio ai telespettatori. Gli italiani faranno in modo che gli scafisti e i trafficanti non abbiamo l’Italia come punto di riferimento, evidentemente Pd e M5S la pensano diversamente. La vicenda per cui dovrò andare a processo è una farsa totale, alla Palamara ma meno male che in Italia ci sono altri giudici. Se Renzi non lo votano nemmeno i genitori ha qualche problema… Gli italiani non lo vogliono più”, ha concluso al Tg4.

Andrea Gussoni
Nato il 28 gennaio 1986, fin dai tempi dei miei studi ho seguito le mie passioni, prima diplomandomi al liceo linguistico Virgilio e poi laureandomi in Psicologia delle Comunicazioni. Ho iniziato a lavorare come giornalista sportivo nel 2008 ma negli anni ho ampliato i miei orizzonti, professionali e non.