Ricciardi: “Coronavirus non è più buono”

Ad Agorà Walter Ricciardi, ordinario di Igiene all'università Cattolica di Roma e consigliere del ministero della Salute, ha spiegato il cambiamento del Coronavirus.

Covid-19, Ricciardi:
Walter Ricciardi

Ad Agorà Walter Ricciardi, ordinario di Igiene all’università Cattolica di Roma e consigliere del ministero della Salute, ha spiegato il cambiamento del Coronavirus. “Il virus è lo stesso che in questo momento fa morti a grappoli in altri paesi, non è assolutamente diventato più buono. E’ la carica virale che si è ridotta”.

Le parole di Ricciardi

In Italia in questo momento il virus, che è lo stesso cattivo come sempre, è isolato e rallentato e quindi fa meno male. Probabilmente questo è dovuto anche alle misure che abbiamo preso, in primis il distanziamento fisico. I colleghi sulla base della loro osservazione dicono: noi stiamo vedendo pazienti che hanno una carica virale minore. Ma è sbagliato trarre delle considerazioni generali da queste valutazioni, relative a una casistica molto spesso limitata, quando in questo momento lo stesso e identico virus provoca migliaia di morti e in alcuni paesi non hanno nemmeno più le fosse per seppellirlo. Questo disorienta l’opionione pubblica e fa abbassare la guardia, mentre invece va tenuta alzata”.