Coronavirus Lombardia, Sala: “A Milano sarà vietato vendere le bevande di asporto dopo le 19”

Sala a capo della task force per la ripresa post-Coronavirus
Foto: Twitter

A partire da domani a Milano non sarà più possibile vendere le bevande di asporto dopo le 19: lo ha comunicato direttamente il Sindaco, Beppe Sala.

Sala: “Sanzioneremo il consumo di alcolici in piedi”

Al termine di un vertice con la prefettura, arriva l’annuncio del sindaco Beppe Sala: a Milano, da domani, non si potranno più vendere le bevande di asporto dalle 19. La decisione arriva al termine di un weekend caratterizzato dalle polemiche per una movida troppo movimentata.

Sala ha spiegato: “Di fatto quello che sanzioneremo sarà il consumo di alcolici in piedi. Queste norme entreranno in funzione da domani sera. Il questore nelle prossime ore indicherà quali sono le aree interessate dalla misure”.

“Questo weekend – ha aggiunto il sindaco – ci ha aiutato a capire ancora meglio, se mai ce ne fosse bisogno, quali sono le aree critiche. Queste decisioni non vietano la possibilità di sedersi, bere e stare con gli altri ma limitano un po’ il rischio e poi vediamo. Metteremo tutte le forze possibili in termini di personale e speriamo che il prossimo weekend sia un po’ meglio di questo”.

Sala ha poi precisato che quello della movida non è solo un fenomeno del milanese, ma anche delle province: Non poniamo limiti temporali alla chiusura dei locali, è una cosa che abbiamo valutato ma abbiamo pensato che non valga la pena. Non mi va di avere un atteggiamento da sceriffo e non credo nemmeno che sia sano farlo. Abbiamo però una larga parte di popolazione che si lamenta, manda immagini e denuncia questo tipo di comportamenti e dobbiamo cercare di bilanciare le cose. Spero che si eviti di metterci gli uni contro gli altri“, ha infine concluso il primo cittadino.