Boccia: “Ricciardi non ha offeso nessuno. Renzi? Non siamo al mercato”

Boccia: "Ricciardi non ha offeso nessuno. Renzi? Non siamo al mercato". Ma è troppo presto per tirare le somme sulla gestione dell'emergenza, dice il ministro per gli Affari regionali al Corriere

Boccia:
Francesco Boccia

Boccia: “Ricciardi non ha offeso nessuno. Renzi? Non siamo al mercato”. Querelle infinita. Sull’attacco del M5S alla sanità lombarda di due giorni fa alla Camera che ha scatenato la rabbia leghista, il ministro per gli Affari regionali e le Autonomie Francesco Boccia fa notare che “ogni deputato ha il diritto di esprimere in aula critiche e opinioni e non ho ascoltato da Ricciardi offese personali. Detto questo, non è ancora il momento dei bilanci. La Lombardia è stata l’area del mondo forse più duramente colpita, i suoi medici e infermieri sono stati eroici e gli amministratori hanno cercato di fare il massimo. Ma penso anche che questa tragedia può insegnare molto sui modelli sanitari e sulla loro gestione a livello territoriale”.

Boccia: “Ricciardi non ha offeso nessuno. Renzi? Non siamo al mercato”

Boccia lo dice in una intervista al Corriere della Sera in cui tocca anche il tema della salute della maggioranza dopo le bizze renziane sul Guardasigilli Bonafede. Adesso che appunto il premier Conte ha aperto a Renzi, ci sarà un rimpasto per far entrare nel governo Boschi o altri membri di Iv? “È stato lo stesso Renzi a dichiarare di aver agito esclusivamente per sollecitare il governo su certi temi, negando di aver chiesto qualsiasi contropartita. Perché non dovremmo credergli? La politica ai tempi del Covid-19 è azione e responsabilità, non un mercato“, taglia corto Boccia.