Coronavirus, Fontana vede la luce: “Siamo sulla buona strada”

Non c'è più la salita che si registrava nel numero di contagi fino a qualche giorno fa, ma è fondamentale non abbassare la guardia

Fontana
Foto. Twitter

La Lombardia continua a essere la Regione con il maggior numero di contagi ) e di vittime da Coronavirus, ma qualche lieve miglioramento sembra esserci ormai da qualche giorno. A sottolinearlo è anche il presidente Fontana: “I numeri sui contagi in Lombardia mostrano qualche segnale incoraggiante, ma ciò non toglie che si debba andare avanti con misure rigorose” – ha detto durante il punto stampa a Palazzo Lombardia.

Ancora non si conoscono però le decisioni che saranno prese dal governo in merito alle misure restrittive, attualmente in vigore fino al 3 aprle. Per quanto riguarda lo stop, e un’eventuale ripresa delle attività produttive, Fontana ha sottolineato che sia “il governo a poter decidere in questo senso, quindi come regioni non interveniamo a fare richieste”.

Per quanto riguarda i numeri sui contagi, il Governatore ha parlato di qualche progresso: ‘Non ho ancora i numeri ufficiali, ma stiamo proseguendo sulla buona strada. Stiamo mantenendo la linea che non è più in salita, non è ancora in discesa, ma non stiamo andando avanti con la progressione e questo è l’aspetto positivo a cui guardiamo con interesse e attenzione. Questo non toglie che non si debba abbassare la guardia’.

Fontana chiede restrizioni fino a metà aprile

“Noi siamo nella linea di poter mantenere le stesse misure dell’ordinanza. Adesso stiamo ragionando con altre Regioni per mandare al governo delle proposte più condivise possibili, credo che si dovrà parlare di una proroga almeno alla seconda metà di aprile, anche perchè siamo in una fase positiva, ma dobbiamo solidificarla” – ha detto ancora il Governatore lombardo.

Ospedale in Fiera completo in pochi giorni

Non poteva mancare un aggiornamento sul’ospedale in Fiera, che consentirà di gestire ancora meglio l’emergenza. “Credo che sia una questione di pochi giorni: abbiamo già recuperato un certo numero di medici e infermieri, adesso l’ospedale dovrà essere sottoposto alla sanificazione e noi crediamo che entro la fine della settimana potrà essere tutto completo per la visita del primo paziente”.

Non è mancata anche la benedizione in queste ore: “Questa mattina c’è stata la benedizione da parte di monsignor Delpini, che ha usato parole molto belle e coinvolgenti nel ricordare la capacità, l’intraprendenza e la voglia di reagire dei lombardi. Grazie anche al Presidente del Senato Elisabetta Casellati che ci ha mandato una lettera molto bella, in cui si complimenta per questa realizzazione e soprattutto sottolinea l’importanza della risposta che viene data con questo ospedale alle persone che, speriamo sempre meno, ancora dovranno ricorrere alla cure della nostra sanità” – ha concluso.