Conte, nuove misure: “Ora sacrifici, ma torneremo ad abbracciarci”

Il premier Giuseppe Conte ha spiegato agli italiani in una diretta Facebook le nuove misure anti Coronavirus.

Giuseppe Conte
Giuseppe Conte

Il premier Giuseppe Conte ha spiegato agli italiani in una diretta Facebook le nuove misure anti Coronavirus. “Ora è arrivato il momento di compiere un passo in più. Quello più importante. L’Italia sarà sempre una zona unica. L’Italia protetta. Ma ora disponiamo la chiusura di tutte le attività commerciali e di vendita al dettaglio, ad eccezione dei negozi di generi alimentari, di prima necessità e delle farmacie, delle parafarmacie. Quindi non è necessario fare nessuna corsa per acquistare cibo nei supermercati. Chiudono però negozi, bar, pub, ristoranti, lasciando la possibilità di fare consegne a domicilio. Chiudono anche parrucchieri, centri estetici, servizi di mensa che non garantiscono la distanza di sicurezza di 1 metro di sicurezza”.

Le parole di Conte

Per quanto riguarda le attività produttive e professionali, va attuata il più possibile la modalità del lavoro agile, vanno incentivate le ferie e i congedi retribuiti per i dipendenti. Restano chiusi i reparti aziendali che non sono indispensabili per la produzione. Le industrie potranno ovviamente continuare a svolgere le proprie attività produttive a condizione che assumano protocolli di sicurezza per i propri lavoratori al fine di evitare il contagio. Sono incentivate le fabbriche e le industrie a prendere misure che siano adeguate per reggere questo momento: quindi regolazione dei turni di lavoro, ferie anticipate, chiusura dei reparti non indispensabili. Rimaniamo distanti oggi per abbracci con più calore per correre più veloce domani, tutti insieme ce la faremo”.

Andrea Gussoni
Nato il 28 gennaio 1986, fin dai tempi dei miei studi ho seguito le mie passioni, prima diplomandomi al liceo linguistico Virgilio e poi laureandomi in Psicologia delle Comunicazioni. Ho iniziato a lavorare come giornalista sportivo nel 2008 ma negli anni ho ampliato i miei orizzonti, professionali e non.