Luigi Di Maio: “Momento difficile per il M5S”

Luigi Di Maio, parlando da Casoria, ha riconosciuto come questo sia un momento difficile per il Movimento 5 Stelle, che ha bisogno di riflessione

Luigi Di Maio, in visita a Casoria, in Provincia di Napoli parla come leader del M5S, sottolineando come per il Movimento questo non sia un “momento semplice”.

Il Ministro degli Esteri infatti sostiene che in questo momento il Movimento “ha bisogno di un grande momento di riflessione in cui stabilire una nuova carta dei valori e dei nuovi obiettivi. Del resto, ricorda, “sono passati 10 anni, in 10 anni è cambiato tutto”. Poi annuncia che per questo periodo di riflessione necessario ai Cinquestelle sarà fondamentale il lavoro “del primo organo politico eletto nel Movimento nella sua storia, cioè il Team del Futuro che sarà pronto entro metà dicembre”.

Luigi Di Maio sul governo

E sul governo, Luigi Di Maio mostra di non avere dubbi. Spiega infatti che “c’è un clima migliore”, che consentirà all’esecutivo di lavorare “sempre meglio“. “Questo governo se fa le cose per gli italiani avrà lunga vita“, sottolinea. Poi rivendica:”Questo è un governo che si è messo insieme per fare in modo che non aumentasse l’Iva. Noi abbiamo scongiurato quella che possiamo definire la ‘Salvini tax’, 600 euro in più a famiglia nel 2020 perché quel signore aveva fatto cadere il governo”.

Le elezioni regionali

Per quanto riguarda poi le elezioni regionali, il leader del Movimento annuncia: “sull’Emilia Romagna decideremo nei prossimi giorni per quanto riguarda la nostra partecipazione”. Cosa che “vale anche per la Calabria“. “Noi dobbiamo presentarci dove siamo pronti, dove non siamo pronti, saremo onesti con i cittadini”, conclude.

Elisabetta Riboldi
Nata il 15 luglio 1992, ho seguito il tipico cursus honorum della letterata milanese: diploma al liceo classico G. Berchet, laurea triennale in Lettere Moderne e magistrale in Filologia Romanza presso l'Università degli Studi di Milano. Fervente appassionata di tutte le arti, curioso nelle librerie, alle mostre, nei musei; per quasi dieci anni ho seguito corsi di teatro e, in seguito, di danza ottocentesca. Ma quella stessa curiosità che mi porta a indagare l'arte e la storia mi àncora fortemente all'attualità, di cui cerco di indagare processi e retroscena.