Nunzia Catalfo: il Ministro del lavoro madrina del Reddito di Cittadinanza

Il nuovo Ministro del Lavoro è Nunzia Catalfo, considerata la madrina del Reddito di Cittadinanza, che si troverà a dover affrontare questioni importanti

Nunzia Catalfo
Nunzia Catalfo

Con la partenza del governo giallorosso è cambiata la squadra dei Ministri, e così al Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali è approdata la siciliana Nunzia Catalfo. Classe 1967, è considerata la madrina del Reddito di Cittadinanza, la misura bandiera del M5S di cui è una degli esponenti meno intransigenti e più predisposti al dialogo.

Il curriculum politico di Nunzia Catalfo

In Senato dal 2013, Nunzia Catalfo si è guadagnata questa nomea anche tra gli avversari politici che le riconoscono toni pacati e ragionevolezza, come sottolineato dal senatore Pd Pietro Ichino. Dal 2018 è entrata a far parte della Commissione permanente Lavoro e previdenza sociale. Ma sul fronte lavoro era già impegnata da anni, tanto da essere una delle promotrici del Reddito di Cittadinanza. Proprio l’introduzione della figura dei navigator, coloro che si occuperanno di trovare lavoro ai beneficiari del sussidio, sarà una delle questioni principali che Nunzia Catalfo si troverà ad affrontare ora che ha sostituito Luigi Di Maio al Ministero del Lavoro.

Le crisi aziendali

Ma non solo. Come ricorda Repubblica, ci sono una serie di questioni scottanti e di primaria importanza che il neoministro si troverà davanti. Prime fra tutte le crisi aziendali di colossi come Whirpool, Auchan, Ilva e Mercatone Uno. Tutte questioni su cui ogni decisione è stata bloccata dalla crisi di governo innescata prima dell’estate.

Elisabetta Riboldi
Nata il 15 luglio 1992, ho seguito il tipico cursus honorum della letterata milanese: diploma al liceo classico G. Berchet, laurea triennale in Lettere Moderne e magistrale in Filologia Romanza presso l'Università degli Studi di Milano. Fervente appassionata di tutte le arti, curioso nelle librerie, alle mostre, nei musei; per quasi dieci anni ho seguito corsi di teatro e, in seguito, di danza ottocentesca. Ma quella stessa curiosità che mi porta a indagare l'arte e la storia mi àncora fortemente all'attualità, di cui cerco di indagare processi e retroscena.