Voto Rousseau: la Rete ha deciso sul Governo M5s-Pd

Alle 18 di oggi, venerdì 3 settembre, gli iscritti alla piattaforma Rousseau hanno terminato le operazioni di voto in merito all'alleanza di Governo tra Pd e M5s.

Ministri nuovo Governo
Ministri nuovo Governo
Clicca qui per ascoltare l'articolo

Alle 18 di oggi, venerdì 3 settembre, gli iscritti alla piattaforma Rousseau hanno terminato le operazioni di voto in merito all’alleanza di Governo tra Pd e M5s. Nella stessa giornata, Davide Casaleggio, aveva espresso la propria soddisfazione per la grande partecipazione alla votazione. Infatti, l’aveva definita un “record mondiale assoluto”. Sarebbe dovuto stare lo stesso Casaleggio ad annunciare l’esito della votazione. Tuttavia, a causa un ritardo, l’esito è stato comunicato dal Blog delle stelle.Alla fine, come prevedibile, ha vinto il sì al Governo Pd-M5s.

Voto Rousseau, parla Di Maio

Il capo politico Luigi Di Maio ha subito commentato la vittoria del sì. “Dobbiamo essere orgogliosi di quello che abbiamo creato. La piattaforma Rousseau è qualcosa di unico al mondo. E oggi tutto il mondo ha aspettato il risultato del voto sulla piattaforma”. E poi: “Questo Governo che sta per nascere è frutto dei cittadini iscritti al Movimento. Io sono orgoglioso che i cittadini possano incidere nelle scelte del suo partito”.

Il risultato è stato plebiscitario – continua Di Maio -. Il sì ha vinto con circa l’80%. Noi lavoreremo per fare qualcosa di molto semplice: migliore la vita degli italiani. Non saremo né un Governo di Destra né uno di Sinistra. Noi faremo un Governo che farà le cose giuste”. Il leader del Movimento 5 stelle attacca anche Salvini: “Non potrà lamentarsi di quello che farà il Governo, perché lui poteva esserci in questo Governo“. Mentre su Conte: “A lui mi lega anche un legame di amicizia. Farà il bene del Paese. Noi non abbiamo paura del voto, ma non si può usare il voto per scappare dalle promesse fatte dagli italiani”.

Il commento di Matteo Salvini

Non si è fatto attendere il commento di Matteo Salvini. “Il governo delle poltrone dura poco – scrive su Facebook -. Non possono scappare dal voto per sempre. A testa alta, pronti a difendere gli Italiani e a tornare a vincere! Onore e dignità valgono più di 100 ministeri, #maicolPD“.

Nicola Zingaretti

Nicola Zingaretti invece ha commento: “Con la chiusura del lavoro programmatico si è fatto un altro passo avanti per un Governo di svolta. Ridurre le tasse sul lavoro, sviluppo economico, green economy, rilancio di scuola, università e ricerca, modifica radicale dei decreti sicurezza. Ora andiamo a cambiare l’Italia”.

Giorgia Meloni

“Il più grande esercizio di democrazia sono le libere elezioni, non la farsa della Piattaforma Trouffeau a cui, numeri alla mano, ha partecipato lo 0,5% dell’elettorato del M5S. Fratelli d’Italia non cambia idea: il giorno della fiducia scenderemo in piazza Montecitorio insieme a tutti gli italiani che dicono no al patto della poltrona e chiedono #elezionisubito”. Ha scritto invece Giorgia Meloni su Facebook.

Voto Rousseau, record votanti

Comunque la si pensi, la partecipazione al voto è stata parecchio elevata. “Dalle 9 alle 18″ hanno espresso “la propria preferenza 79.634 iscritti, su una base di aventi diritto che, alla mezzanotte del 2 settembre 2019, ha raggiunto il numero di 117.194 iscritti. È un record mondiale di partecipazione a una votazione politica online in un solo giorno” spiega l’Associazione Rousseau, ricalcando le parole di Davide Casaleggio. “Il picco – viene sottolineato – si è raggiunto nelle prime due ore di votazione nel corso delle quali hanno votato oltre 30.000 cittadini: un traffico addirittura 10-12 volte superiore rispetto a quello del primo turno di votazioni per la scelta dei candidati del MoVimento 5 Stelle alle elezioni europee”.