Governo 5 Stelle-Pd, al via il totoministri

Diffusi dall'agenzia stampa AdnKronos i papabili per le nuove cariche istituzionali in vista del sempre più probabile accordo di Governo tra 5 Stelle e Pd.

Governo 5 Stelle-Pd
Governo 5 Stelle-Pd (foto repertorio Flickr Camera dei Deputati)
Clicca qui per ascoltare l'articolo

Nonostante la trattativa per la formazione del nuovo Governo 5 Stelle-Pd non sia andata ancora in porto, iniziano a circolare i primi nomi per le varie cariche istituzionali. Sponda Movimento 5 Stelle da un lato, e lato Partito Democratico dall’altro, si avvicendano diversi personaggi che potrebbero fare il loro ingresso sulla scena politica. Da chiarire il ruolo di Luigi Di Maio all’interno della possibile nuova maggioranza.

Governo 5 Stelle-Pd, le ipotesi

Secondo quanto riportato dall’AdnKronos diversi sono i punti sui quali si sta lavorando. Anche Nicola Zingaretti, a tal proposito, dovrebbe a breve sciogliere le riserve e dare il via libera per un Governo guidato, ancora una volta, da Giuseppe Conte. Nel frattempo Luigi Di Maio viene accreditato come papabile per due Ministeri: quello della Difesa e quello dell’Interno. Quest’ultimo è quello che attualmente vede al timone Matteo Salvini. Ma per il Viminale vi sono anche Marco Minniti e Franco Gabrielli.

Gli altri possibili incarichi

Alfonso Bonafede potrebbe mantenere l’incarico di Ministro della Giustizia mentre a Riccardo Fraccaro spetterebbe quello di Ministro dei Rapporti con il Parlamento. Su questi due nomi, però, alcuni storcono il naso. L’intenzione, infatti, è quella di rinnovare le cariche istituzionali dando vita alla famosa discontinuità richiesta da Nicola Zingaretti prima degli incontri con i 5 Stelle. Per la Giustizia due i nomi in ballo: Pietro Grasso di Liberi e Uguali e Andrea Orlando del Partito Democratico. Le ipotesi saranno comunque al vaglio qualora si raggiunto l’accordo di Governo 5 Stelle-Pd. All’Economia non si esclude una conferma di Giovanni Tria. I papabili potrebbe essere il senatore Antonio Misiani e Pier Carlo Padoan. Agli Esteri Enzo Moavero Milanesi è più che una possibilità ma sta alla finestra anche Paolo Gentiloni.

Nuovi possibili ingressi

Sponda Pd a Paola De Micheli potrebbe andare il Ministero dello Sviluppo Economico. Risultano sotto la lente d’ingrandimento anche i nomi di Tommaso Nannicini e Roberto Morassut, oltre a Lorenzo Guerini, Ettore Rosato e Andrea Marcucci. Non si esclude l’avvento dei due capigruppo 5 Stelle, Francesco D’Uva e Stefano Patuanelli.