Consultazioni Governo, Salvini esce dall’ufficio di Mattarella

Proseguono le consultazioni di Governo, adesso è toccato forse all'uomo più atteso: Matteo Salvini, appena uscito dall'ufficio del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Consultazioni Governo, parla Salvini
Consultazioni Governo, parla Salvini
Clicca qui per ascoltare l'articolo

Proseguono le consultazioni di Governo, adesso è toccato forse all’uomo più atteso: Matteo Salvini, appena uscito dall’ufficio del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. L’incontro è durato parecchio, dalle 16 alle 16.45. “Sono contento di rappresentare un partito compatto – ha dichiarato Salvini una volta nella sala stampa -. Siamo felici di aver portato all’attenzione degli italiani quei problemi sempre discussi nei salottini privati”. “I troppi no hanno portato alla fine di questo Governo – ha proseguito . Abbiamo fatto tante cose buone, ma dopo i no hanno portato alla fine del Governo. Adesso la via maestra sono le elezioni”. E ancora: “In questi giorni abbiamo letto e visto tante cose. Gli altri vogliono fare solo un governo contro di noi, non hanno idee”.

Consultazioni Governo, parla Salvini

Poi Matteo Salvini continua: “Adesso gli altri (il Movimento 5 stelle, ndr) hanno cominciato a dire sì, piuttosto di governare. Governeranno anche con il partito di Bibbiano. E faranno un governo del contro: contro la Lega, contro Salvini, contro il decreto sicurezza, contro i porti chiusi”. Tuttavia Salvini non chiude completamente ai 5 stelle. “Se i no si trasformano in sì anche per noi, io sarò pronto a valutare. La cosa che mi dispiacerebbe di più è vedere la Boschi e Renzi rientrare dalla finestra. Io voglio che gli italiani abbiano nei prossimi anni un governo che faccia. Non un Governo che non faccia”.

Salvini sembra quindi pronto ad appoggiare un governo di scopo: C’era un Governo fermo, se c’è un Governo che si muove, io ci sono. Sono pronto a ripartire. Mi auguro che non ci sia nessuno che, in queste ore, stia ragionando di posti e di poltroni. Altri hanno sei-sette correnti, noi invece siamo una squadra. Sono sicuro che Mattarella, per come lo abbiamo sentito oggi, farà la scelta giusta”.