Salvini appeso a testa in giù nella vignetta del giornale tedesco

Polemica per la scelta di giornale tedesco Spiegel Online, che ha pubblicato una vignetta "satirica" con ritratto il leader della Lega Matteo Salvini appeso a testa in giù.

Salvini appeso a testa in giù
Salvini appeso a testa in giù
Clicca qui per ascoltare l'articolo

Polemica per la scelta di giornale tedesco Spiegel Online, che ha pubblicato una vignetta “satirica” con ritratto il leader della Lega Matteo Salvini appeso a testa in giù. Il capo del Carroccio è ritratto appeso per i piedi a un lampione, mentre sotto di lui una folla armata di falci e martelli è pronta a fargli la pelle. Non è difficile immaginare a chi e a cosa si sia “ispirato” il vignettista. Salvini è appeso per i piedi come Mussolini a Piazzale Loreto, mentre gli uomini armati di falci e martelli sarebbero i nuovi “partigiani” risorti e pronti a portare la democrazia in Italia.

Salvini appeso a testa in giù

Se il simbolismo della vignetta è chiaro, non lo sono invece le intenzioni del vignettista. Ha voluto fare ironia e satira o si è spinto in una vera e propria provocazione? In ogni caso, questa vignetta ha provocato l’indignazioni di molti, anche tra alcuni oppositori di Salvini, che hanno dichiarato che l’autore si è spinto troppo oltre. Matteo Salvini ha voluto commentare: “Simpatico questo vignettista di molti giornali tedeschi che mi mette a testa in giù… Che pena”.

Sulla vicenda è intervenuta anche Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia e probabilmente prossima alleata di Matteo Salvini. “Solidarietà a Matteo Salvini per la vigliacca vignetta tedesca che lo raffigura appeso a testa in giù e linciato dalla folla. Mi auguro che tutte le forze politiche italiane avranno la decenza di condannare questo schifoso attacco al Ministro dell’Interno italiano”.