Renzi chiude al voto anticipato: “Prima governo istituzionale”

Matteo Renzi, in un'intervista pubblicata dal Corriere della Sera, ha detto no al voto anticipato, dando la sua preferenza a un governo istituzionale.

Renzi e Salvini
Clicca qui per ascoltare l'articolo

Matteo Renzi, in un’intervista pubblicata dal Corriere della Sera, ha detto no al voto anticipato, dando la sua preferenza a un governo istituzionale. “Salvini ha paura e non sta bene. Lo si capisce guardandolo in spiaggia. Vuole decidere tutto ma non fa nulla. E mentre è in spiaggia a ballare, a Roma si spara nei parchi pubblici. Ma chi si occupa di sicurezza se non chi lavora al Viminale? Salvini non ha mai avuto il senso delle istituzioni ma ora ha perso anche il senso della misura. Fortunatamente tra poco non sarà più ministro dell’Interno e finirà la disastrosa esperienza del governo Conte”.

Renzi chiude al voto anticipato

Tutti gli italiani però voglio sapere cosa succederà adesso, se si andrà cioè a votare o meno. “Andremo in Senato e ci confronteremo. E qui è in gioco l’Italia, non le correnti dei partiti. Chiederò di parlare e dirò che votare subito è folle per tre motivi”.

Ed eccoli i motivi sostenuti da Renzi. “La priorità è evitare l’aumento dell’Iva. Vanno trovati 23 miliardi di euro. Perché un commerciante deve pagare la recessione che l’aumento dell’Iva comporterà? Che colpa ne ha quel commerciante se Salvini si è stancato di Toninelli? Che Toninelli sia incapace noi lo diciamo da anni. Salvini se ne è accorto solo adesso? Se votiamo subito l’Iva va dal 22 al 25%? Prima togliamo le clausole e poi si vota. Ieri abbiamo bruciato 15 miliardi, lo spread è alto, i risparmiatori soffrono. E con Salvini che chiede “pieni poteri”, i mercati temono l’uscita dall’euro. Si andrà a votare, certo. Ma prima vengono i risparmi degli italiani, poi le ambizioni di Capitan Fracassa”.

E ancora: Salvini deve lasciare il Viminale, Conte deve lasciare palazzo Chigi. I due saranno i leader di Lega e Cinque Stelle alle elezioni? Auguri. Ma, sfiduciati, non possono essere loro i garanti elettorali”. Mentre per il terzo punto riguarda la riduzione dei parlamentarsi. “Considero la riduzione dei parlamentari una riforma incompleta e demagogica. La nostra riforma modificava il bicameralismo, garantiva efficienza, assicurava stabilità. Tuttavia i cittadini hanno deciso, noi abbiamo perso e io mi inchino davanti alla democrazia”.