Crisi di governo: cresce il partito contrario al voto

Cresce il fronte contrario al voto anticipato per gestire la crisi di governo. Oltre a Grillo si aggiungono Renzi e Di Maio

Clicca qui per ascoltare l'articolo

La crisi di governo aperta da Matteo Salvini non sembra piacere a tutti, anzi, cresce il numero di quanti sono contrari al voto subito.

Il partito contrario al voto

Dopo Beppe Grillo, che dal blog delle stelle aveva lanciato l’appelloAltro che elezioni, salviamo il Paese”, Luigi di Maio accoglie la proposta del fondatore del Movimento. “Beppe è con noi ed è sempre stato con noi! Il vero cambiamento è il taglio dei parlamentari. Le vere elezioni si fanno con 345 poltrone in meno. Serve cambiare. E subito!“, dice.

Renzi sulla crisi di governo

Ma l’idea di arginare Salvini arriva anche da Matteo Renzi. Il quale dalle pagine del Corriere della Sera si mostra deciso: “Andremo in Senato e ci confronteremo“, perché “qui è in gioco l’Italia, non le correnti dei partiti. Chiederò di parlare e dirò che votare subito è folle. Il suo è “un appello a tutti, dalla Lega ai 5 Stelle, da Forza Italia alla sinistra radicale, dalle Autonomie ai sovranisti fino ai gruppi parlamentari del Pd, della cui tenuta non dubito”. Per Renzi è necessario “un governo istituzionale che permetta agli italiani di votare il referendum sulla riduzione dei parlamentari, che eviti l’aumento dell’Iva, che gestisca le elezioni senza strumentalizzazioni”.

La replica di Salvini

Ma su Repubblica, Matteo Salvini replica a Grillo e Renzi, e non usa mezzi termini. “Tutti hanno sempre ripetuto che dopo questo governo c’erano solo le elezioni. Quindi spero che il presidente Mattarella senta la sensibilità del Paese. Un governo con Renzi e Di Maio non la ascolterebbe, questa sensibilità”, spiega.

Elisabetta Riboldi
Nata il 15 luglio 1992, ho seguito il tipico cursus honorum della letterata milanese: diploma al liceo classico G. Berchet, laurea triennale in Lettere Moderne e magistrale in Filologia Romanza presso l'Università degli Studi di Milano. Fervente appassionata di tutte le arti, curioso nelle librerie, alle mostre, nei musei; per quasi dieci anni ho seguito corsi di teatro e, in seguito, di danza ottocentesca. Ma quella stessa curiosità che mi porta a indagare l'arte e la storia mi àncora fortemente all'attualità, di cui cerco di indagare processi e retroscena.