Berlusconi lancia il coordinamento a 5, ma Toti non c’è

Silvio Berlusconi ha lanciato una nuova iniziativa politica avviando la federazione "l'Altra Italia". Un nuovo progetto commentato in una intervista.

Forza Italia e l'alleanza con Salvini
Forza Italia e l'alleanza con Salvini
Clicca qui per ascoltare l'articolo

Silvio Berlusconi annuncia a “Il Giornale” una federazione chiamata “l’Altra Italia”. «Nella situazione in cui siamo ridotti, di fronte al deteriorarsi della situazione politica nel nostro Paese, sentiamo il dovere di dare una struttura a quella che abbiamo chiamato l’Altra Italia , la “Vera Italia”, e di realizzare una federazione dei partiti, dei movimenti e delle realtà civiche di centrodestra o vicine al centrodestra».

Berlusconi e il nuovo progetto in cantiere

«Non parliamo di fondare un nuovo partito – aggiunge Berlusconi – ma di creare una federazione tra soggetti che si ispirano ai valori liberali e cristiani e alle tradizioni democratiche e garantiste della civiltà occidentale. Di quest’area politica Fi è parte costituente essenziale ma non intende assumere alcun ruolo egemonico».

Sulle primarie arriva il commento: «Lo deciderà il tavolo delle regole». Sulle tensioni di Forza Italia, Berlusconi dice di “non credere” che vi sia lo zampino di Salvini e Meloni, ma che siano dovute al fatto che «le urne si avvicinano. Ma tranne qualche incomprensione sulle liste per le Europee i rapporti con gli altri partiti del centrodestra sono buoni. Il centrodestra unito è l’unica alternativa possibile per ottenere con certezza la maggioranza e vincere ogni tipo di elezione».

Il coordinamento a 5

Nel pomeriggio arriva poi l’annuncio: «Preso atto che il Tavolo delle regole per il nuovo Statuto di Forza Italia ha terminato i suoi lavori ed alla luce del suo esito, ha deciso la nomina di un Coordinamento di presidenza». Così il Presidente Silvio Berlusconi ha annunciato la costituzione del nuovo organismo direttivo a 5. Che però sarà senza Giovanni Toti, il quale oggi aveva pronosticato: “Temo che sarà la giornata più brutta per Forza Italia”.
Il Cavaliere ha fatto sapere che “a superamento degli incarichi conferiti in data 19 giugno il Coordinamento sarà costituito dalla senatrice Annamaria Bernini, dalla vicepresidente della Camera dei deputati onorevole Mara Carfagna, dagli onorevoli Mariastella Gelmini, Sestino Giacomoni e dal vicepresidente di Forza Italia Antonio Tajani”.

Le modifiche dello Statuto

Il “tavolo delle regole”, dunque, ha stabilito una modifica dello statuto in vista dei congressi di Forza Italia che si dovranno tenere entro l’anno. La proposta è articolata in tre punti:

  • Alle primarie potranno partecipare “gli eletti, gli elettori, gli attivisti e i simpatizzanti di Forza Italia che siano già iscritti o che decidano di aderire al Movimento fino a sette giorni prima della data dei Congressi”
  • Le adesioni saranno raccolte via web, attraverso un’apposita piattaforma, per rendere la partecipazione il più agevole possibile.
  • ‘La consultazione eleggerà su base regionale i coordinatori e i vice coordinatori di ogni Regione ed i delegati al congresso in proporzione alla popolazione regionale e al numero dei votanti. Il Congresso nazionale eleggerà un Coordinamento di presidenza composto di 5 membri, cui saranno delegati i compiti organizzativi. I coordinatori regionali e i vice coordinatori resteranno in carica tre anni”.

lnoltre, nello Statuto si riconosce al leader Silvio Berlusconi la scelta della linea politica e pieni poteri sulla definizione delle liste elettorali. “Resteranno in carico al Presidente i poteri di indirizzo politico e la compilazione delle liste per le elezioni“, si legge a conclusione del testo.

Alessandro Artuso
Nato a Roma il 18 giugno 1991, ho conseguito la laurea triennale presso l'Università della Calabria e la magistrale all'Università degli Studi di Messina. Giornalista pubblicista, da luglio 2018, ho maturato la mia prima esperienza lavorativa con la redazione calabrese ottoetrenta.it con la quale collaboro da aprile 2015. Ho lavorato nell'azienda Silicon Make App producendo articoli inerenti a tematiche come Sviluppo app, Web marketing e Social media marketing. Interessato alle notizie a tutto tondo, mi pongo come elementi imprescindibili la ricerca e il controllo delle fonti.