Sondaggi politici elettorali La7 del 29 luglio: Tav e Decreto Sicurezza pesano sui sondaggi

Sui sondaggi politici di questa settimana pesano senza dubbio alcune vicende politiche e di cronaca che contribuiscono ad affermare la Lega

Sondaggi politici elettorali La7
Sondaggi politici elettorali La7
Clicca qui per ascoltare l'articolo

Come ogni lunedì, anche la sera del 29 luglio Enrico Mentana annuncia gli ultimi sondaggi politici elettorali su La7. Caso della settimana è stato senza dubbio l’omicidio di Mario Cerciello Rega, che ha visto le forze politiche battibeccare sulla foto dell’indagato ritratto bendato. Come anche gli sviluppi del caso dei bimbi di Bibbiano, su cui il Vicepremier Matteo Salvini ha preso fortemente posizione. L’approvazione del Decreto sicurezza bis è stato all’ordine del giorno nello scontro tra gli alleati di governo, cosa che non è certo sfuggita agli elettori. Questi forse, insieme al si alla Tav incassato dalla Lega, alcuni dei fattori determinanti nei risultati dei sondaggi.

Sondaggi elettorali del 29 luglio

Sale ancora la Lega, che si conferma primo partito con il 38%, registrando un +0,2%. Cresce anche il PD, che sale al 22% con un balzo in avanti dello 0,5%. Male il Movimento 5 Stelle, che perde addirittura l’1,2%, attestandosi al 17, 3%. Rispetto alla settimana precedente, Fratelli d’Italia e Forza Italia si scambiano posto, attestandosi il primo al 6,6%, con una crescita di 0,3%, mentre a seguire Forza Italia perde uno 0,1%, fermandosi al 6,5%.

Sondaggi politici elettorali La7 del 22 luglio

La scorsa settimana, i sondaggi vedevano la Lega mantenere il comando secondo quanto riportato dai sondaggi La7. Cresceva infatti dello 0,1% passando dal 37,8% al 37,7%. Il Partito Democratico fa registrare invece un crollo di mezzo punto percentuale rispetto allo scorso settimana (dal 22% al 21,5%). A seguire il Movimento 5 Stelle che sale al 18,5%. Subito dopo Forza Italia (6,6%), Fratelli d’Italia (6,3%) e +Europa (2,8%). La Sinistra staziona al 2% mentre i Verdi fanno registrare il 2,5%. La percentuale di chi non si esprime, nel sondaggio politico del 22 luglio 2019, è del 36%. La scorsa settimana il dato era di due punti percentuali più alta con il 38%.