Salone dell’automobile, Chiara Appendino valuta dimissioni

Il Sindaco di Torino Chiara Appendino sta valutando di presentare le proprie dimissioni dopo il terremoto politico provocato dal Salone dell'automobile.

Chiara Appendino valuta di presentare le dimissioni
Chiara Appendino valuta di presentare le dimissioni
Clicca qui per ascoltare l'articolo

Il Sindaco di Torino Chiara Appendino sta valutando di presentare le proprie dimissioni dopo il terremoto politico provocato dal Salone dell’automobile. Questo, infatti, traslocherà definitivamente dal capoluogo piemontese per trasferirsi a Milano. La responsabilità di questa debacle è ricaduta sul Vicesindaco Guido Montanari. “Sono stato io a chiamare i vigili per far multare gli organizzatori – aveva infatti detto il Vicesindaco qualche giorno fa. Questa dichiarazione ha mandato su tutte le furie Chiara Appendino, che ora sta valutando il da farsi.

Chiara Appendino valuta dimissioni

“Sono furiosa per la decisione del comitato organizzatore del Salone dell’Auto di lasciare Torino dopo cinque edizioni di successo – ha dichiarato la Appendino -. Una scelta che danneggia la nostra città, a cui hanno anche contribuito alcune prese di posizione autolesioniste di alcuni consiglieri del Consiglio Comunale e dichiarazioni inqualificabili da parte del vVicesindaco. Senza sottrarmi alle mie responsabilità, mi riservo qualche giorno per le valutazioni politiche del caso”.

La Appendino, in una situazione che assomiglia a tratti a quella che ha vissuto Virginia Raggi, ha subito attacchi anche da altri membri del consiglio comunale e della sua maggioranza. Il dramma definitivo si è consumato giovedì 11 luglio in serata. In città era arrivato Luigi Di Maio, in un incontro disertato da molti consiglieri di maggioranza. Dal canto suo, Chiara Appendino ha ribadito la condanna per le “posizioni autolesioniste” proprio di alcuni consiglieri del M5S. Questi, attacca la Prima cittadina, hanno “contribuito” a mandare all’aria una manifestazione che “quest’anno ha portato in città 700mila persone”.

Chiara Appendino si dimette da Sindaco di Torino?

Difficile prevedere quello che succederà nelle prossime ore. Di fatto, Chiara Appendino potrebbe aver soltanto provato a bluffare. Tuttavia, la sua situazione appare comunque molto difficile e a tratti indistricabile. Se dovessero poi arrivare effettivamente le sue dimissioni, queste potrebbero decretare la fine della sua carriera politica. Almeno tra le fila dei 5 Stelle.

Intanto Montanari si difende: “Mi scuso per aver dato pretesto a polemiche strumentali. Ho sempre ritenuto che il Salone dell’auto sia una ricchezza della città e che si possa fare al Parco del Valentino con una mediazione tra esigenze degli organizzatori e fruizione del parco”. Alle sue parole sono seguite quelle di Alberto Cirio, governatore del Piemonte: “È un’altra doccia fredda. Torino non può continuare a perdere tutto quello che è stato costruito con anni di lavoro e fatica dai suoi cittadini, dalle istituzioni e da tutto il sistema produttivo e territoriale”.

Le opposizioni

Anche le opposizioni si sono scatenate. Stefano Lo Russo, capogruppo dem, ha parlato di una “furia distruttiva per Torino” come “non era neanche immaginabile. La città è stata saccheggiata e distrutta da amministratori inadeguati e inconcludenti”.