Soldi russi alla Lega, l’ira della Sinistra finanziata per anni dalla Russia

Una registrazione proverebbe che la Lega ha ricevuto dei soldi russi come finanziamento. La Sinistra ha chiesto spiegazioni, dimenticandosi di avere ricevuto soldi dalla Russia per 50 anni.

Soldi russi alla Lega, quando li prendeva la sinistra
Soldi russi alla Lega, quando li prendeva la sinistra
Clicca qui per ascoltare l'articolo

Nella giornata di mercoledì 11 luglio, è arrivata la notizia di una registrazione che proverebbe che la Lega abbia ricevuto dei soldi russi come finanziamento. Molti esponenti della Sinistra, Matteo Renzi e Nicola Zingaretti su tutti, hanno quindi attaccato il partito di Salvini, chiedendo al leader leghista di fornire subito celeri e adeguate spiegazioni. Eppure l’ex segretario e l’attuale segretario del Partito democratico hanno dimenticato una cosa. Per decenni la Russia ha finanziato la Sinistra, ha finanziato quel partito Comunista che ha formato molti dei vecchi e nuovi leader poi trasferirtisi in altri partiti.

Soldi russi alla Lega, Pd: “Scandaloso, prima erano nostri”

Una “svista”, quella dei due leader del Partito democratico, come di molti altri esponenti della politica e del giornalismo, che non è passata inosservata al popolo del Web. Alcuni, infatti, hanno attaccato il Pd asserendo che fino a pochi decenni fa la Russia aveva finanziato il partito Comunista e nessuno aveva avuto nulla da obbiettare. “Soldi dei russi alla Lega, ira Pd: ‘Scandaloso, prima erano nostri” – se la ride qualcuno. E ancora: “L’ho sempre detto, per essere di sinistra basta poco. Bisogna solo fare gli ipocriti”.

In ogni caso, per adesso, non ci sono prove che la Lega abbia avuto finanziamenti dalla Russia. La registrazione sotto accusa riguarda una conversazione tra un esponente leghista, Gianluca Savoini, e ignoti interlocutori, presumibilmente russi. Non dimostra che Putin abbia finanziato Salvini. Qualora verranno provati questi finanziamenti noi di CiSiamo.info, liberi da pressioni di parte e da fili tirati da loschi burattinai, ci uniremo nella condanna alla Lega. Per adesso, tuttavia, poniamo il dito contro coloro che stanno accusando Salvini, dimenticando la storia recente d’Italia.

Soldi alla Sinistra

Il Partito Comunista Italiano ha beneficiato per circa 50 anni dei finanziamenti targati Urss. Ne ha fatto un cenno anche Veltroni in una intervista a Tortorella. Ma questi finanziamenti sono stati provati anche da numerosi atti in Commissione Stragi e in Commissione Mitrokhin.

Nel secondo dopoguerra, infatti, non è un mistero che da Mosca siano partiti finanziamenti per i vari partiti comunisti occidentali. Questi dovevano servire per sostenere la lotta per il Comunismo nei Paesi Nato. Avrebbero dovuto, in pratica, finanziare azioni sovversive o separatiste dei Paesi membri dell’Alleanza Atlantica. Quindi, quei finanziamenti sarebbero stati ancora più gravi rispetto a quelli che avrebbe preso Salvini, che fino a questo momento, al limite, si è prodigato per far togliere le sanzioni alla Russia.

Dossier Mitrokhin

Il flusso di denaro trova numeri e dati nelle rivelazioni del dossier Mitrokhin, considerato affidabile da tutte le agenzie di intelligence occidentali. Si evidenziavano 261 schede. Una di questa, la numero 122 svela le cifre del finanziamento russo al partito comunista italiano. Nel ’71 furono versati 1.600.000 dollari. Nel ’72 5,2 milioni, mentre nel ’74 9 milioni di dollari. Per il ’76 si parla di 6,5 milioni. Infine, nel 1977, ancora 1 milione. Queste cifre, che vanno a scendere, sono conformi anche con le posizioni del Partito Comunista, che ha iniziato ha staccarsi piano piano dal cordone ombelicale della Russa.