Sea Watch, Di Battista: “Annoiato dalle Ong, per il Pd passerella inutile”

Anche Alessandro Di Battista è intervenuto sul caso della Sea Watch. Dal palco del festival del Libro Possibile ha rilasciato una pesante dichiarazione.

Alessandro Di Battista attacca Salvini
Alessandro Di Battista attacca Salvini
Clicca qui per ascoltare l'articolo

Anche Alessandro Di Battista è intervenuto sul caso della Sea Watch. Dal palco del festival del Libro Possibile, il festival letterario che si sta tenendo in Puglia, ha rilasciato una pesante dichiarazione. L’esponente del Movimento 5 stelle avrebbe dovuto parlare del suo libro, ma una lunga digressione l’ha portato in altri lidi.

Di Battista interviene sulle Ong

Sono annoiato dalle Ong – ha dichiarato – Un paese deve difendere i propri confini, capisco quindi quello che il Governo sta facendo. Il Pd ha fatto un passerella inutile, facendo finta di piangere: sono gli stessi che hanno bombardato la Libia. Io, prima di fare politica, ho lavorato nella cooperazione: bene, oggi l’immigrazione non è un problema principale. E soprattutto l’approccio deve essere un altro: non servono quote. Non si possono accogliere tutti. Ma si deve fare un piano serio di aiuti per i paesi africani: queste persone hanno il diritto di prosperare a casa loro”.

Poi Di Battista ha spiegato che secondo lui i fenomeni migratori non sono per nulla paragonabili a quelli italiani. “Oggi non c’è bisogno di mano d’opera mentre gli Stati uniti sono stati costruiti dagli italiani”.

Su Matteo Salvini

L’esponente del Movimento 5 Stelle ha anche parlato di Matteo Salvini. “Ci siamo sentiti ai tempi del referendum, perché avevamo posizioni comuni su Renzi, quello che doveva essere il nuovo De Gaulle e invece ora politicamente è morto, appena Condannato dalla Corte dei Conti. Io penso che in questa esperienza di governo la Lega sia troppo debole con i poteri forti. Ma penso anche che il Governo debba andare avanti”.

Poi è passato alle Grandi opere. “Io vorrei cantieri ovunque”, dichiara a proposito della mancanza dell’alta velocità al Sud. “Ma siamo contrari alle opere inutili, come la Tav”. Non risparmia una affondo ai Benetton: “Erano a festeggiare a Cortina il giorno dopo la morte di 43 persone con il crollo del Ponte Morandi”. Infine parla del futuro che ritiene possibile: “Sono andato a visitare la fabbrica delle Tesla negli Stati uniti. Il futuro è delle macchine e dei robot. La piena occupazione è impossibile, per questo servono misure come il reddito di cittadinanza”.