Vito Nicastri, chiesti 12 anni di reclusione per il re dell’eolico

La Procura ha formulato le richieste di condanna per Vito Nicastri e altri finiti sotto la lente di ingrandimento: l'accusa è di associazione mafiosa.

Vito Nicastri, giungono le richieste di condanna per associazione mafiosa
Vito Nicastri, giungono le richieste di condanna per associazione mafiosa

Gianluca De Leo, Pubblico Ministero della Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo, ha chiesto la condanna a 12 anni di reclusione per l’imprenditore Vito Nicastri. L’accusa è di associazione mafiosa e intestazione fittizia di beni. L’uomo, indicato come “re dell’eolico“, è coinvolto in un giro di mazzette che ha come protagonista l’ex deputato di Forza Italia Paolo Arata, adesso vicino alla Lega. L’inchiesta è una parte di quella che riguarda il sottosegretario Armando Siri.

La vicenda di Vito Nicastri

Vito Nicastri fu arrestato nel 2018. Secondo gli inquirenti sarebbe vicino al boss Matteo Messina Denaro a cui avrebbe finanziato la latitanza. Nonostante gli arresti domiciliari, la casa dell’uomo continuava a essere un luogo dal quale far partire affari ad ampio raggio. Da qui la Procura ha chiesto la revoca dei domiciliari e il ripristino della custodia cautelare in carcere.

Con l’imprenditore sono finiti davanti al Gup il fratello Roberto, accusato di concorso in associazione mafiosa, per cui oggi sono stati chiesti 10 anni. Imputati, in aggiunta, Melchiorre Leone e Girolamo Scannariato, la cui richiesta è di 12 anni. Per finire richiesta una condanna a 10 anni per Giuseppe Bellitti.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.