Leghista usa foto di bambini down per fare ironia sui social che non funzionano

Il leghista Augusto Casali ha ironizzato sul blocco dei social network di ieri pubblicando su twitter un post con la foto di tre bambini affetti da sindrome di down

Il post su twitter di Augusto Casali che ironizza sul blocco dei social network di ieri
Clicca qui per ascoltare l'articolo

E’ l’orgoglioso fondatore e admin della pagina “Dio Imperatore Salvini” , una pagina che non brilla certo per grazia e diplomazia. E sì che, da social media manager della Lega Toscana, il leghista Augusto Casali qualcosina di social network dovrebbe saperne. E dovrebbe sapere il potere di diffusione che hanno.

O forse semplicemente non ci ha pensato, Augusto Casali, quando ieri, mentre Facebook e Instagram erano non funzionavano ha fatto dell’ironia postando la foto di tre bambini affetti dalla sindrome di down e la scritta: “Facebook, Instagram e Whatsapp in questo momento”.

La foto, pare, è stata rimossa, forse per la vergogna sopraggiunta. E forse lo stesso motivo è quello ha spinto – sembra – Augusto Casali, a cancellare il suo profilo twitter, che non risulta più attivo.

Su Facebook Casali chiede scusa: “E’ ovvio che non ho assolutamente niente contro le persone affette da sindrome di down”, ma aggiunge, riferendosi alla polemica scoppiata: “Ci tengo però a notare con altrettanta ilarità come suddette ingiurie provengano unicamente da una parte politica la quale si fa da decenni avvocato per potere abortire individui affetti da tale sindrome”.

Commenta su Facebook
Elisabetta Riboldi
Nata il 15 luglio 1992, ho seguito il tipico cursus honorum della letterata milanese: diploma al liceo classico G. Berchet, laurea triennale in Lettere Moderne e magistrale in Filologia Romanza presso l'Università degli Studi di Milano. Fervente appassionata di tutte le arti, curioso nelle librerie, alle mostre, nei musei; per quasi dieci anni ho seguito corsi di teatro e, in seguito, di danza ottocentesca. Ma quella stessa curiosità che mi porta a indagare l'arte e la storia mi àncora fortemente all'attualità, di cui cerco di indagare processi e retroscena.