Elezioni europee 2019, M5S presenta i partiti alleati

Elezioni europee 2019, il M5S presenta i partiti alleati. Adesso spunta anche Akkel, il partito greco dell'agricoltura e allevamento guidato da Evangelos Tsiobanidis.

Luigi Di Maio
Luigi Di Maio

Elezioni europee 2019, il M5S presenta i partiti alleati. I croati Zivi Zid, i polacchi Kukiz 15, i finlandesi di Liike Nyt erano cosa nota. Adesso spunta anche Akkel, il partito greco dell’agricoltura e allevamento guidato da Evangelos Tsiobanidis.

“Siamo 5 forze politiche – ha esordito Luigi Di Maio durante la presentazione del manifesto per le elezioni Europee – che hanno accolto la sfida ambiziosa e complessa di un nuovo gruppo in Europa, servono 7 componenti ma siamo molto fiduciosi. Ci sono contatti con altre forze. Dar vita a un nuovo gruppo è importante per il M5S ma anche per i Paesi che rappresentiamo e per il popolo europeo tutto, per quelli che non si riconoscono nella destra e nella sinistra, per coloro che parlano di democrazia partecipata, uno dei primi punti su cui con gli alleati presenti oggi al tavolo ci siamo ritrovati”.

La presentazione del manifesto

Nel corso della conferenza stampa Di Maio ha poi puntualizzato: “Come vedete, oggi non ci sono i gilet gialli. Con loro c’è una interlocuzione ma non abbiamo intenzione di dialogare con quell’anima che parla di guerra civile e lotta armata. Chi presenterà quella lista deve credere nella democrazia”.

Durante la presentazione del manifesto, Di Maio ha infine chiarito: “Il gruppo che vogliamo formare porterà la propria solidarietà a tutti gli agricoltori e i pastori che anche in Italia stanno soffrendo le conseguenze di politiche europee scellerate che stanno distruggendo le nostre eccellenze”.

Per formare un gruppo nel Parlamento europeo occorrono 7 partiti di 7 Paesi diversi. Al Movimento 5 Stelle al momento mancano all’appello altri 2 Paesi. Presenti all’evento di oggi Ivan Vilibor Sincic (Croazia), Pawel Kukiz (Polonia), Karolina Kahonen (Finlandia) e Evangelos Tsiobanidis (Grecia)