Di Maio analizza le elezioni: «Scendere in campo sul territorio soltanto se pronti»

Il Vicepremier Luigi Di Maio analizza l'esito delle elezioni con un occhio alle ultime svolte in Abruzzo dove ha trionfato Marsilio.

Luigi Di Maio e i problemi per un nuovo Governo con il Pd
Luigi Di Maio e i problemi per un nuovo Governo con il Pd (foto repertorio)

Luigi Di Maio, Vicepremier e Ministro, ha deciso di scrivere sul blog del Movimento Cinque Stelle. «È necessario arrivare sempre alle amministrative con un percorso che preveda un lavoro sul territorio. Ciò deve essere fatto – dichiara la nota – con degli incontri con categorie, mondo del sociale, con gli amministratori. Non improvvisando come a volte accade».

L’idea di Luigi Di Maio

Di Maio dichiara che se non si sia pronti a combattere, politicamente parlando, è meglio non presentarsi. «Ogni volta che il Movimento Cinque Stelle ottiene alle elezioni locali un risultato inferiore a quello delle politiche – spiega Di Maio – c’è chi non parla d’altro che della sua fine imminente».

«Basta vedere i dati. Alle elezioni comunali di giugno 2017 abbiamo preso di media il 7,8% e poi dopo meno di un mese il 33% alle politiche. Poi a giugno 2018 abbiamo preso in media il 12% alle comunali. In questi due giorni dopo le elezioni però ho riflettuto. Mi sono chiesto se fosse il caso – aggiunge Di Maio – di dire una verità che tutti nel Movimento conosciamo, ma nessuno ha ancora avuto il coraggio di dire».

Le elezioni in Abruzzo

Gli ultimi risultati non sono stati esaltanti per quanto riguarda le elezioni Regionali. In Abruzzo, ad esempio, M5S è giunto terzo scavalcato di diversi punti percentuali. «Dopo la Sicilia, dopo il Molise, dopo l’Abruzzo – continua –. Se non siamo riusciti a conquistare una regione con Giancarlo Cancelleri nonostante il 35%, con Andrea Greco nonostante il 38% e con Sara Marcozzi, persone che hanno dato l’anima nel territorio per anni e che hanno fatto l’impossibile, è chiaro che ci sono alcuni problemi di fondo».

«Che come Movimento dobbiamo affrontare. Che io come capo politico del movimento 5 stelle intendo affrontare».

Alessandro Artuso
Nato a Roma il 18 giugno 1991, ho conseguito la laurea triennale presso l'Università della Calabria e la magistrale all'Università degli Studi di Messina. Giornalista pubblicista, da luglio 2018, ho maturato la mia prima esperienza lavorativa con la redazione calabrese ottoetrenta.it con la quale collaboro da aprile 2015. Ho lavorato nell'azienda Silicon Make App producendo articoli inerenti a tematiche come Sviluppo app, Web marketing e Social media marketing. Interessato alle notizie a tutto tondo, mi pongo come elementi imprescindibili la ricerca e il controllo delle fonti.